I NOSTRI ARTICOLI

In Primo Piano

Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

Nel 2012 il team della missione Voyager 1 aveva annunciato che la sonda era...

Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

Kepler-421b è il nuovo pianeta extrasolare, scoperto tra i dati rilevati dal telescopio della...

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

A quanto pare, nonostante qualche incidente di percorso, il lander e il rover della missione...

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una...

ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

Mercoledì 9 luglio, l'ESA ha dato il via ad un concorso creativo per accompagnare la fase...

  • Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

    Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

  • Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

    Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

  • Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

    Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

  • Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

    Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

  • ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

    ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!



L'evoluzione di Marte: una delle possibili storie



From CURIOSITY sol 137 MastCam L last (warm) water on wet hot Mars

From CURIOSITY sol 137 MastCam L last (warm) water on wet hot Mars
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44 

Alla luce delle ultime scoperte del rover della NASA Curiosity, nuove conferme vanno a supportare la teoria sostenitrice di un passato marziano caldo e umido.

Da quando la scienza ha iniziato ad interessarsi al Pianeta Rosso sono stati creati migliaia di modelli e ricostruzioni.

Oggi, senza nessuna pretesa, vogliamo proporvi la nostra visione artistica, prendendo spunto da un paesaggio ormai familiare, quello del cratere Gale, formatosi circa 3,6 miliardi di anni fa, campo di azione di Curiosity.

Com'era Marte e come si è trasformato fino ad arrivare così come lo vediamo oggi?

Sappiamo che l'acqua si deve esser fatta strada lungo i pendii del grande cratere, largo 154 chilometri, creando un vero e proprio sistema di valli fluviali, probabilmente fino ad allagare completamente alcune zone.

CURIOSITY horizon sol 3 "before us"

CURIOSITY horizon sol 3 "before us"
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44 

Noi, immaginiamo lo scorrere dell'acqua su Marte diverso da come siamo abituati a vederlo sulla Terra: un acqua libera di muoversi in modo differente a causa della minore gravità e capace di trascinare con sé quantità maggiori di materiale. Un'acqua meno limpida, quindi, carica di sostanze, più aggressiva. Un'acqua energica non necessariamente a livello cinematico ma termico e chimico, capace di disgregare ed aggregare minerali in tempi relativamente brevi.

Alcuni pattern del suolo fotografato da Curiosity, ricordano bolle scoppiate di materiale: magari un tempo l'acqua era alimentata da sorgenti idrotermali e una sorta di fango ribolliva sul suolo marziano.

Quando le condizioni ambientali hanno iniziato a cambiare, il vulcanesimo e l'atmosfera meno densa hanno contribuito a far evaporare parte dell'acqua liquida in superficie. Altra potrebbe essersi invece infiltrata nel terreno dove forse è ancora oggi insieme alle acque fossili, bloccate in falde acquifere dalla formazione del pianeta. Altra ancora, in luoghi più protetti come potrebbe essere stato il cratere Gale, deve esser rimasta in superficie più a lungo fin quando le temperature sono scese bruscamente. Allora potrebbe essersi creata una vera e propria crosta di ghiaccio.

 Source: youtu.be/zzevmMwu8Ro - Credit: 2di7 & titanio 44

L'acqua più pura si è trasformata in ghiacciai, ricoperti poi con il tempo, da altro materiale e dalla sabbia marziana. Quel ghiaccio che oggi possiamo osservare quando si forma un nuovo cratere da impatto e troviamo a volte anche a pochi centimetri sotto la superficie.

Ma qualcosa ancora potrebbe esistere di questo mondo dinamico: le fessurazioni nel terreno fotografate da Curiosity a Yellowknife Bay e quelle riprese da Spirit nei pressi di Home Plate, ne sarebbero la firma.
Eventi esterni o una geologia in attiva, in determinate condizioni e periodi, potrebbero far ancora risalire acqua liquida in superficie. Questa, a contatto con l'esterno, potrebbe ghiacciare per un breve periodo o sublimare, contribuendo magari ad alimentare quelle nebbie immortalate nei panorami di Curiosity che creano la densa atmosfera nel cratere Gale e in parte, si ritirerebbe di nuovo nel terreno portando con sé la sabbia fine e polverosa del Marte di oggi.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Marte: nuova mappa geologica globale by …

Martedì, 15 Luglio 2014 06:17

Marte: nuova mappa geologica globale by USGS

L'U.S. Geological Survey (USGS) ha presentato ieri una nuova mappa geologica globale di Marte, aggiornata con 16 anni di dati, tra osservazioni e scoperte scientifiche, rilevati dai quattro veicoli spaziali in orbita intorno...

ESA hangout video: il surfing spaziale d…

Lunedì, 14 Luglio 2014 06:31

ESA hangout video: il surfing spaziale della sonda Venus Express

Giovedì scorso l'Angenzia Spaziale ESA ha organizzato un hangout per rispondere alle domande del pubblico sulle prossime fasi di un'altra memorabile missione, Venus Express, che dopo 8 anni di osservazioni...

NASA Curiosity: perché il MAHLI guarda i…

Sabato, 12 Luglio 2014 23:01

NASA Curiosity: perché il MAHLI guarda il cielo?

Il Mars Hand Lens Imager (MAHLI) è la fotocamera montata sul braccio robotico di Curiosity che ha lo scopo primario di acquisire immagini ravvicinate della superficie e delle rocce di Marte. A volte...

La voce delle meteore

Venerdì, 11 Luglio 2014 06:32

La voce delle meteore

Utilizzando il Long Wavelength Array del New Mexico (LWA), presso l'Università del New Mexico (UNM), gli astronomi hanno ascoltato le meteore per la prima volta, quelle luminose palle di fuoco che...

Le forze di marea: un elemento chiave pe…

Giovedì, 10 Luglio 2014 13:33

Le forze di marea: un elemento chiave per la vita sui pianeti extrasolari simili alla terra

Nuovi modelli sui pianeti extrasolari simili alla Terra, in orbite particolarmente difficili, dimostrano che le forze di marea rappresentano uno degli elementi chiave per la loro sopravvivenza. Un mondo potenzialmente abitabile, infatti, che orbita...

2 luglio: NASA Cassini osserva il polo n…

Mercoledì, 09 Luglio 2014 21:43

2 luglio: NASA Cassini osserva il polo nord di Saturno

Ci dovremo abituare a queste vedute suggestive di Saturno perché la sonda della NASA Cassini, a partire dal 2016, inizierà le orbite finali che la porteranno sempre più vicino al...

Rubriche

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video

Curiosity sol 687 - MAHLI has captured the plasma plume generated when ChemCam zaps "Nova" rock!
"Courtesy NASA/JPL /Caltech/MSSS" processing 2di7 & titanio44


  • Alive universe Image 22.07.2014 20:33
    In effetti, per essere un comunicato, non "comunica" troppo bene! Magari si intendeva altro ma sembra ...

    Leggi tutto...

     
  • Marco 22.07.2014 17:55
    Trovo questo comunicato stampa dei cinesi perlomeno grottesco! Hanno realizzato un rover delicato ...

    Leggi tutto...

     
  • Marco 15.07.2014 23:12
    Splendide novità ma, insieme all'entusiasmo per la notizia, c'è in me molta amarezza per il fatto che ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it