Missioni Spaziali

In Primo Piano

Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

Nel vasto ed apparentemente vuoto spazio interstellare, si aggirano in realtà molecole...

ESA: Venus Express risale dall'inferno

ESA: Venus Express risale dall'inferno

La sonda dell'ESA Venus Express ha concluso il suo esperimento di aerobraking...

NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

Sembra un numero incredibile ma analizzando i dati rilevati dalla sonda della NASA Cassini, gli...

ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

La scorsa settimana l'ESA aveva rilasciato un nuovo modello della...

Tre gioviani caldi più aridi del previsto

Tre gioviani caldi più aridi del previsto

Un team internazionali di astronomi, utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble, ha...

  • Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

    Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

  • ESA: Venus Express risale dall'inferno

    ESA: Venus Express risale dall'inferno

  • NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

    NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

  • ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

    ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

  • Tre gioviani caldi più aridi del previsto

    Tre gioviani caldi più aridi del previsto



L'acqua passata di Marte: depositi ricchi di calcio individuati da Curiosity



Source: youtu.be/z4vB44Rdq48

In attesa dell'approvazione da parte del team di missione per la prima perforazione, Curiosity vaga nel bacino di Yellowknife Bay scoprendo importanti indizi sulla presenza dell'acqua nella storia del cratere Gale: ogni nuovo dettaglio non fa altro che confermare un ambiente antico particolarmente bagnato.

E' un mondo di conglomerati, arenarie, siltiti, berries, ciottoli lucenti, rocce venate e fratturate che prova la presenza dell'acqua passata su Marte.

Le nuove evidenze rafforzano la teoria che Marte una volta era un ambiente umido ed ospitale, come la Terra, in grado di fornire un habit adatto alla vita.

"Non avremmo visto niente di tutto questo dall'orbita", ha dichiarato John Grotzinger, del California Institute of Technology di Pasadena.

Durante il briefing che si è tenuto lo scorso 15 gennaio, gli scienziati hanno anche confermato il prossimo target per il trapano del rover, una roccia stratificata individuata grazie alle immagini della MastCam, soprannominata  "John Klein", in onore dell'ex vice-responsabile del progetto Mars Science Laboratory morto nel 2011.
La data per la prima perforazione, tuttavia, ancora non è stata fissata.

CURIOSITY drill target "John Klein"

 Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

La roccia, in prossimità della caratteristica formazione detta "Snake River", sarebbe stata selezionata il 7 gennaio per la sua composizione, durezza e probabilità di produrre una polvere idonea alle successive analisi, in tutta sicurezza per la strumentazione hardware.

E' dalla metà di dicembre che, braccio robotico, MAHLI, spettrometro Alpha Particle X-ray e ChemCam sono all'opera per trovare un candidato idoneo per l'utilizzo del trapano nella zona di Yellowknife Bay. 

La prima perforazione e l’analisi del materiale ricavato sarà una pietra miliare nella storia dell’esplorazione planetaria.

Il termine "trapano" è un termine un po' improprio per lo strumento di Curiosity che è molto più simile ad uno scalpello rotante con un'azione a percussione. I colpi martellanti rompono il sottosuolo e la polvere prodotta viene incanalata verso l'alto all'interno di un manicotto cavo che circonda la punta e viene trasportata nella zona di stoccaggio circolare in cima.

CURIOSITY trapano

Credit: NASA/JPL

Oltre ad una grande roccia sicura da forare, possibilmente con una struttura a grana fine, per il primo utilizzo si cercava anche una superficie piana per garantire la stabilità del rover. Sia il braccio robotico che Curiosity devono essere mantenuti entro certi limiti di inclinazione e di altezza.

La grana fine è importante, invece, per la pulizia del sistema di foratura dalla potenziale contaminazione acquisita durante il montaggio finale pre-lancio.

Anche in questo caso, come era avvenuto per gli scoop, le prime 3 - 5 perforazioni saranno utilizzate per pulire lo strumento: la roccia selezionata verrà forata, la polvere sarà trasportata fino all'area di stoccaggio, verrà fatta vibrare per garantire una pulizia accurata delle pareti e poi gettata, per almeno tre volte.
I campioni successivi, invece, potranno essere utilizzati per le analisi e quindi consegnati al CHIMRA (Collection and Handling for In-Situ Martian Rock Analysis) per la setacciatura e porzionatura del materiale da ripartire tra CheMin (Chemistry and Mineralogy) e SAM (Sample Analysis at Mars).

Nel frattempo, all'obiettivo primario della missione di Curiosity, ossia determinare se Marte e in particolare il cratere Gale sia mai stato un luogo favorevole alla vita, si aggiungono importanti tasselli.

Il rover si trova in un punto particolare del cratere Gale, una zona di intersezione di tre differenti tipi di terreno, non a caso chiamata "The Triple Point”. Uno in particolare aveva attirato l'attenzione degli scienziati perchè le immagini orbitali segnalavano un rilascio di calore più lento durante le ore notturne.

Il punto è chiaramente visibile da un'immagine che  Grotzinger ha mostrato durante il  briefing.
L'area a bassa inerzia termica, sulla sinistra, appare più scura vista dall'orbita: è la zona in cui è atterrato Curiosity, Bradbury Landing, una sorta di alveo asciutto. Verso destra si può vedere una parte più chiara che è il mondo diverso, ricco e lussureggiante in cui si trova ora il rover.

CURIOSITY - mappa e andamento termico del suolo

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona/CAB(CSIC-INTA)/FMI

Curiosity ha attraversato il confine tra le due aree tra il sol 121 e il sol 120 (7 e 8 dicembre 2012) , indicato dalla linea verde tratteggiata.
Il grafico sovrapposto alla mappa indica i dati della temperatura giornaliera al suolo, ottenuti dalla stazione di monitoraggio Rover Environmental Monitoring Station (REMS): l'arrivo di Curiosity sul nuovo terreno, corrisponde ad un brusco spostamento della gamma delle temperature.

Il sol 121 (8 dicembre 2012) segna l'arrivo del rover presso il gruppo di rocce chiamato Shaler dove il pattern delle stratificazioni indica la presenza passata di flussi idrici.
Durante sol 124 (11 dicembre) Curiosity entra nel bacino di Yellowknife Bay.

CURIOSITY - Shaler

CURIOSITY - Shaler
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Gli scienziati hanno trovato la prova che qui, alcune rocce, in passato erano sature d'acqua e forse molto di più.

"C'è una grande diversità di rocce in questa zona", ha dichiarato Michael Malin, del Malin Space Science Systems (MSSS). "La diversità è sempre un segno dei diversi tipi di processi e dei diversi tipi di materiale e questa è un'area molto varia. E' uno dei motivi per cui stiamo procedendo con cura. Vogliamo caratterizzare questa diversità".

Tra le caratteristiche principali, gli scienziati hanno individuato piccoli fori causati dalla sabbia che si infiltra verso il basso.
Malin sottolinea che questo processo potrebbe essere relativamente recente altrimenti la sabbia avrebbe riempito i buchi e il fatto che questi siano presenti un po' ovunque nella zona, potrebbe indicare che l'area stessa è ancora soggetta a cambiamenti.

Noi di Alive Universe Images ci teniamo a sottolineare che avevamo evidenziato queste fessurazioni del nostro post "FORSE TROVATA LA ROCCIA PER IL PRIMO UTILIZZO DEL TRAPANO DI CURIOSITY", segnalando che qualcosa di analago si era già vista durante la missione del Mars Exploration Rover Spirit, nei pressi di Home Plate. Allora, però, passata sicuramente più inosservata rispetto al rilievo che sta assumendo ora con la missione Curiosity.

Molte rocce nell'area di Yellowknife Bay presentano interessanti venature.
Curiosity le ha analizzate con la sua ChemCam (Chemistry and Camera) evidenziando alti livelli di calcio, zolfo ed idrogeno.

CURIOSITY ChemCam analisi spettrale

Credit: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/IRAP/LPGNantes/CNRS

L'immagine mostra i profili spettrali delle rocce soprannominate rispettivamente "Crest" e "Rapitan", analizzate dalla ChemCam (Chemistry and Camera) durante il sol 125 (13 dicembre 2012) e durante il sol 135 (23 dicembre 2012). Nei due grafici i profili di calibrazione sono segnati in rosso e in blu.

"Queste vene sono probabilmente composte da solfato di calcio idrato, come bassinite o gesso", ha detto Nicolas Mangold del team della ChemCam del Laboratoire de Planétologie et Géodynamique de Nantes, in Francia. "Sulla Terra la formazione di vene come queste richiede acqua che circola nelle fratture".

CURIOSITY vene di calcio su Marte e sulla Terra

CURIOSITY vene di calcio su Marte e sulla Terra
Credit: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/IRAP/LPGNantes/CNRS/LGLyon/Planet-Terre 

Le vene si formano quando l'acqua liquida circola attraverso le crepe e i depositi minerali, a poco a poco riempiendo l'interno delle rocce fratturate nel corso del tempo.

Il fatto che la zona sia piena di rocce detritiche è molto indicativo.
La grana della roccia poi fornisce informazioni circa il meccanismo di trasporto: in genere, il trasporto di grani di una certa dimensione implica il coinvolgimento di un fluido diverso dall'aria.

"Queste sono rocce sedimentarie e ci dicono che Marte aveva qui depositi attivi di materiale", ha aggiunto Yingst, principale ricercatore del MAHLI, del Planetary Science Institute a Tucson, in Arizona. "Ciò indica che altre rocce dovevano essere suddivise in frammenti e trasportate altrove per poi essere ritrasformate in roccia. E questo significa che Marte, almeno in quest'area, era geologicamente attivo".


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa del…

Martedì, 22 Luglio 2014 06:14

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

A quanto pare, nonostante qualche incidente di percorso, il lander e il rover della missione cinese Chang'E 3 sono ancora vivi ed in grado di comunicare, nonostante il rover, Jade Rabbit, fosse stato...

Confermata l'origine extragalattica dei …

Lunedì, 21 Luglio 2014 06:20

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una raffica di lampi radio veloci, durata una frazione di secondo, proveniente dallo spazio profondo. La scoperta, che è...

ESA: are we there yet? Un sabato giocand…

Domenica, 20 Luglio 2014 18:43

ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

Mercoledì 9 luglio, l'ESA ha dato il via ad un concorso creativo per accompagnare la fase principale della missione Rosetta. Dopo 10 anni nello spazio e 6 miliardi di chilometri percorsi,...

Le ultime drammatiche ore della cometa I…

Venerdì, 18 Luglio 2014 06:23

Le ultime drammatiche ore della cometa ISON

In molti lo avevano già sospettato ma ora un nuovo studio, basato sui dati ESA/NASA del Solar and Heliospheric Observatory (SOHO), conferma che la cometa 2012/S1 (ISON) aveva smesso di produrre polveri...

ESA Rosetta: la doppia personalità della…

Giovedì, 17 Luglio 2014 18:30

ESA Rosetta: la doppia personalità della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

67P/Churyumov-Gerasimenko non è una cometa qualunque, ne abbiamo avuto la prova il 15 luglio quando alcune immagini e un articolo sul sito CNES hanno preceduto inavvertitamente il rilascio ufficiale programmato. Il...

Curiosity: il MAHLI riprende il laser de…

Giovedì, 17 Luglio 2014 06:51

Curiosity: il MAHLI riprende il laser della ChemCam in azione

Poter sbirciare il lavoro di Curiosity su Marte è sempre divertente ed anche istruttivo. Sabato 12 luglio, il Mars Hand Lens Imager (MAHLI), la fotocamera posizionata sul braccio robotico del rover, ha...

Rubriche

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

ESA ROSETTA: #arewethereyet

Avete trovato la nostra bottiglia?

ESA: Rosetta, siamo arrivati? - Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin

Diteci:

DOVECOMEQUANDO

aggiungendo un commento all'articolo "ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!"

Top Video

Titan Alpha Eridiani occultation - July 20 2014
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44


  • Alive universe Image 30.07.2014 20:21
    Salve Franz, pubblico con piacere il tuo commento perché, oltre a condividere la tua opinione, potrebbe ...

    Leggi tutto...

     
  • Franz 30.07.2014 18:12
    Aerofrenaggio non esiste in italiano così come aerobraking. La traduzione corretta è aerofrenata o ...

    Leggi tutto...

     
  • Alive universe Image 29.07.2014 19:58
    Ciao Maurizio, è così ma parliamo di catastrofe tecnologia anche se è pur vero che, per come è ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it