Missioni Spaziali

In Primo Piano

Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

Nel vasto ed apparentemente vuoto spazio interstellare, si aggirano in realtà molecole...

ESA: Venus Express risale dall'inferno

ESA: Venus Express risale dall'inferno

La sonda dell'ESA Venus Express ha concluso il suo esperimento di aerobraking...

NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

Sembra un numero incredibile ma analizzando i dati rilevati dalla sonda della NASA Cassini, gli...

ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

La scorsa settimana l'ESA aveva rilasciato un nuovo modello della...

Tre gioviani caldi più aridi del previsto

Tre gioviani caldi più aridi del previsto

Un team internazionali di astronomi, utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble, ha...

  • Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

    Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

  • ESA: Venus Express risale dall'inferno

    ESA: Venus Express risale dall'inferno

  • NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

    NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

  • ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

    ESA ROSETTA: aggiornato il nuovo modello della cometa 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO

  • Tre gioviani caldi più aridi del previsto

    Tre gioviani caldi più aridi del previsto



L'Iran lancia una scimmia nello spazio: un ritorno al passato



 Source: youtu.be/CYUAov1UcLc

Ieri, 28 gennaio, l'Iran ha annunciato di aver lanciato con successo una scimmia nello spazio e di aver eseguito il recupero della capsula con l'animale ancora in vita.

Una mossa che ci riporta indietro nel tempo, ai primi anni del programma spaziale americano e russo e preannuncia il prossimo invio di uomini nello spazio, previsto entro il 2020.

Gli Stati Uniti furono il primo stato a lanciare un primate, Albert, a quota 63 chilometri, a bordo del razzo V2 nel 1948. Albert morì per soffocamento durante il volo e molti altri animali furono sacrificati per consentire l'inizio dell'era spaziale umana.

Albert II nel 1949 fu il primo primate a raggiungere lo spazio a quota 134 chilometri a bordo di un altro razzo V2: sopravvisse al lancio ma non all'atterraggio a causa del duro impatto con il terreno. E così Albert III, IV, V e VI ed altri ancora, fino ad arrivare al 31 gennaio 1961, quando lo scimpanzé Ham fu lanciato in un volo suborbitale a 253 chilometri di quota e recuperato illeso, solo un po' disidratato, dopo una missione di 16,5 minuti. Un successo che consentì ad Alan Shepard di decollare per il primo volo suborbitale umano il 5 maggio 1961, diventando il primo americano, il secondo uomo dopo il sovietico Yuri Gagarin, a raggiungere lo spazio.

Altri test con altri scimpazè vennero condotti anche negli anni successivi, fin quando non si è acquisita la certezza che gli esseri umani possono sopravvivere nello spazio.

L'Unione Sovietica non fu da meno ma predilisse l'utilizzo dei cani: lanciarono i loro primi esperimenti nel 1951. Tra tutti, chi non conosce la storia della cagnetta Laika, lanciata il 3 novembre del 1957 a bordo dello Sputnik 2. Laika morì durante il volo. Tra il 1980 e il 1990 anche la Russia lanciò dei primati e così pure la Francia nel 1967.

Ora, altri animali verranno sacrificati da un'altra nazione in nome del progresso.

Aggiornamento
Visto che avevamo dedicato alla notizia un post, sembra doveroso il seguente aggiornamento.
Diverse importanti testate giornalistiche internazionali, avrebbero messo a confronto le immagini pre e post lancio, notando visibili incongruenze: la scimmia che sarebbe stata lanciata a 120 chilometri di quota, non corrisponderebbe alla scimmia presente durante la conferenza stampa post missione.

L'Iran lancia una scimmia nello spazio: forse un fake

A parte evidenti differenze somatiche, si nota di certo l'escrescenza rossa sopra l'occhio destro, assente nelle scimmia del post missione.

A questo punto cosa sia successo realmente, nessuno può dirlo: nella migliore delle ipotesi la capsula potrebbe esser stata lanciata senza equipaggio, nelle peggiore la scimmietta non avrebbe mai fatto ritorno a Terra viva.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa del…

Martedì, 22 Luglio 2014 06:14

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

A quanto pare, nonostante qualche incidente di percorso, il lander e il rover della missione cinese Chang'E 3 sono ancora vivi ed in grado di comunicare, nonostante il rover, Jade Rabbit, fosse stato...

Confermata l'origine extragalattica dei …

Lunedì, 21 Luglio 2014 06:20

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una raffica di lampi radio veloci, durata una frazione di secondo, proveniente dallo spazio profondo. La scoperta, che è...

ESA: are we there yet? Un sabato giocand…

Domenica, 20 Luglio 2014 18:43

ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

Mercoledì 9 luglio, l'ESA ha dato il via ad un concorso creativo per accompagnare la fase principale della missione Rosetta. Dopo 10 anni nello spazio e 6 miliardi di chilometri percorsi,...

Le ultime drammatiche ore della cometa I…

Venerdì, 18 Luglio 2014 06:23

Le ultime drammatiche ore della cometa ISON

In molti lo avevano già sospettato ma ora un nuovo studio, basato sui dati ESA/NASA del Solar and Heliospheric Observatory (SOHO), conferma che la cometa 2012/S1 (ISON) aveva smesso di produrre polveri...

ESA Rosetta: la doppia personalità della…

Giovedì, 17 Luglio 2014 18:30

ESA Rosetta: la doppia personalità della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

67P/Churyumov-Gerasimenko non è una cometa qualunque, ne abbiamo avuto la prova il 15 luglio quando alcune immagini e un articolo sul sito CNES hanno preceduto inavvertitamente il rilascio ufficiale programmato. Il...

Curiosity: il MAHLI riprende il laser de…

Giovedì, 17 Luglio 2014 06:51

Curiosity: il MAHLI riprende il laser della ChemCam in azione

Poter sbirciare il lavoro di Curiosity su Marte è sempre divertente ed anche istruttivo. Sabato 12 luglio, il Mars Hand Lens Imager (MAHLI), la fotocamera posizionata sul braccio robotico del rover, ha...

Rubriche

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

ESA ROSETTA: #arewethereyet

Avete trovato la nostra bottiglia?

ESA: Rosetta, siamo arrivati? - Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin

Diteci:

DOVECOMEQUANDO

aggiungendo un commento all'articolo "ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!"

Top Video

Titan Alpha Eridiani occultation - July 20 2014
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44


  • Alive universe Image 30.07.2014 20:21
    Salve Franz, pubblico con piacere il tuo commento perché, oltre a condividere la tua opinione, potrebbe ...

    Leggi tutto...

     
  • Franz 30.07.2014 18:12
    Aerofrenaggio non esiste in italiano così come aerobraking. La traduzione corretta è aerofrenata o ...

    Leggi tutto...

     
  • Alive universe Image 29.07.2014 19:58
    Ciao Maurizio, è così ma parliamo di catastrofe tecnologia anche se è pur vero che, per come è ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it