Spazio & Astronomia

In Primo Piano

ESA Rosetta: il nuovo modello della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

ESA Rosetta: il nuovo modello della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

I dettagli della superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko diventano sempre più...

Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

Nel 2012 il team della missione Voyager 1 aveva annunciato che la sonda era...

Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

Kepler-421b è il nuovo pianeta extrasolare, scoperto tra i dati rilevati dal telescopio della...

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

A quanto pare, nonostante qualche incidente di percorso, il lander e il rover della missione...

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una...

  • ESA Rosetta: il nuovo modello della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

    ESA Rosetta: il nuovo modello della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

  • Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

    Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

  • Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

    Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

  • Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

    Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

  • Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

    Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst



Le aurore dei pianeti extrasolari: ora sarà possibile rilevarle



 Aurore su Giove

Aurore su Giove
Credit: NASA

Le aurore polari, protagoniste di spettacolari paesaggi notturni sulla Terra, sono continuamente monitorate e studiate dagli scienziati, così come quelle scoperte sui pianeti del nostro Sistema Solare.

Ora, sarà possibile ottenere molto di più e rilevare direttamente le aurore dei pianeti alieni extrasolari.

Le aurore sulla Terra si verificano quando le particelle cariche provenienti dal Sole, incanalate dal campo magnetico terrestre verso i poli, interagiscono con l'alta atmosfera, innescando spettacolari giochi di luce.
Processi simili sono stati osservati su altri pianeti del Sistema Solare, con aurore 100 volte più luminose rispetto a quelle terrestri.

Adesso, grazie al telescopio Low-Frequency Array nei Paesi Bassi, gli scienziati hanno rilevato le emissioni radio di possibili aurore su pianeti estrasolari.

"Questi risultati confermano che le aurore si generano su corpi fuori del nostro Sistema Solare e le loro emissioni radio sono abbastanza potenti - 10000 volte più luminose delle aurore di Giove - e rintracciabili attraverso le distanze interstellari", ha detto l'autore dello studio Jonathan Nichols, dell'University of Leicester in Inghilterra, in un comunicato.

Le aurore di Giove, ad esempio, a differenza di quelle terrestri, sono innescate dalla rotazione stessa del pianeta.
Giove ruota attorno al proprio asse ogni 10 ore con il suo enorme campo magnetico: la rotazione di questo magnete produce quindi enormi quantità di energia soprattutto ai poli.
Rilevate per la prima volta dalla Voyager 1 nel 1979, sono generate principalmente dall'iterazione delle molecole prodotte dall'attività vulcanica dalla sua luna Io, con il campo magnetico del pianeta.

Aurore simili a quelle terrestri, invece, sono state avvistate su Saturno nel 2009, dalla sonda della NASA Cassini e forse nuovamente immortalate e da noi individuate, in alcune riprese a luglio 2012.

Questa nuova ricerca dimostra che le aurore possono formarsi su altri pianeti non necessariamente a causa delle particelle cariche trasportate dal vento solare. Al contrario, è molto probabile che altrove, le aurore siano molto più simili a quelle gioviane.

Attraverso lo studio di queste emissioni radio gli scienziati otterranno un quadro più chiaro della forza del campo magnetico di un pianeta, di come interagisce con la sua stella madre, delle sue lune e anche sulla durata della sua rotazione.

La nuova ricerca è stata pubblicata in un recente numero del The Astrophysical Journal.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

ESA Rosetta: a 10.000 chilometri dalla c…

Martedì, 15 Luglio 2014 17:59

ESA Rosetta: a 10.000 chilometri dalla cometa 67P il nucleo diventa binario

Oggi 15 luglio, solo 10.000 chilometri separano la sonda dell'ESA Rosetta dalla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Domani la sonda eseguirà il terzo dei quattro "burns" (accensioni dei propulsori) chiamati "Far Approach Trajectory" (FAT), condotte una...

Marte: nuova mappa geologica globale by …

Martedì, 15 Luglio 2014 06:17

Marte: nuova mappa geologica globale by USGS

L'U.S. Geological Survey (USGS) ha presentato ieri una nuova mappa geologica globale di Marte, aggiornata con 16 anni di dati, tra osservazioni e scoperte scientifiche, rilevati dai quattro veicoli spaziali in orbita intorno...

ESA hangout video: il surfing spaziale d…

Lunedì, 14 Luglio 2014 06:31

ESA hangout video: il surfing spaziale della sonda Venus Express

Giovedì scorso l'Angenzia Spaziale ESA ha organizzato un hangout per rispondere alle domande del pubblico sulle prossime fasi di un'altra memorabile missione, Venus Express, che dopo 8 anni di osservazioni...

NASA Curiosity: perché il MAHLI guarda i…

Sabato, 12 Luglio 2014 23:01

NASA Curiosity: perché il MAHLI guarda il cielo?

Il Mars Hand Lens Imager (MAHLI) è la fotocamera montata sul braccio robotico di Curiosity che ha lo scopo primario di acquisire immagini ravvicinate della superficie e delle rocce di Marte. A volte...

La voce delle meteore

Venerdì, 11 Luglio 2014 06:32

La voce delle meteore

Utilizzando il Long Wavelength Array del New Mexico (LWA), presso l'Università del New Mexico (UNM), gli astronomi hanno ascoltato le meteore per la prima volta, quelle luminose palle di fuoco che...

Le forze di marea: un elemento chiave pe…

Giovedì, 10 Luglio 2014 13:33

Le forze di marea: un elemento chiave per la vita sui pianeti extrasolari simili alla terra

Nuovi modelli sui pianeti extrasolari simili alla Terra, in orbite particolarmente difficili, dimostrano che le forze di marea rappresentano uno degli elementi chiave per la loro sopravvivenza. Un mondo potenzialmente abitabile, infatti, che orbita...

Rubriche

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video

Titan Alpha Eridiani occultation - July 20 2014
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44


  • Alive universe Image 22.07.2014 20:33
    In effetti, per essere un comunicato, non "comunica" troppo bene! Magari si intendeva altro ma sembra ...

    Leggi tutto...

     
  • Marco 22.07.2014 17:55
    Trovo questo comunicato stampa dei cinesi perlomeno grottesco! Hanno realizzato un rover delicato ...

    Leggi tutto...

     
  • Marco 15.07.2014 23:12
    Splendide novità ma, insieme all'entusiasmo per la notizia, c'è in me molta amarezza per il fatto che ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it