Spazio & Astronomia

In Primo Piano

LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

La missione GAIA è una delle più ambiziose nel campo dell'astronomia spaziale ed è...

Una piccola galassia con un grande buco nero

Una piccola galassia con un grande buco nero

Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble e quelli delle osservazioni da Terra, gli...

Ultime dai rover marziani

Ultime dai rover marziani

Curiosity si appresta ad esplorare le "Pahrumps Hills" mentre Opportunity torna al lavoro dopo la...

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

Due sonde spaziali, il  Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN) della NASA...

Dawn torna alla normalità

Dawn torna alla normalità

La sonda, ormai nella fase di avvicinamento a Cerere, era entrata in "Safe Mode" la settimana...

  • LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

    LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

  • Una piccola galassia con un grande buco nero

    Una piccola galassia con un grande buco nero

  • Ultime dai rover marziani

    Ultime dai rover marziani

  • MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

    MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

  • Dawn torna alla normalità

    Dawn torna alla normalità



Il paesaggio marziano trasformato dai cambiamenti stagionali



Source: youtu.be/Hc_o5PF17yY

Gli incredibili cambiamenti stagionali di Marte sono stati ripresi dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter e montati in un bellissimo video dal NASA Jet Propulsion Laboratory: un paesaggio dinamico che si trasforma a causa del riscaldamento delle calotte ghiacciate di anidride carbonica.

Sulla Terra il ghiaccio di anidride carbonica non esiste se non prodotto industrialmente.
E' noto come "ghiaccio secco" perché l'anidride carbonica, in condizioni di pressione standard, passa dallo stato solido a quello gassoso per sublimazione, ossia senza passare per lo stato liquido.

In primavera i rivestimenti di ghiaccio secco marziano delle calotte polari si scongelano, riscaldati dal Sole. L'anidride carbonica si accumula e va in pressione, scoppiando poi in vari modi.
E' proprio questo fenomeno a causare quelle singolari decorazioni riprese dalle immagini orbitali.
Scanalature transitorie si formano sulle dune, quando il gas intrappolato trova un punto di fuga, trascinando anche la sabbia. La sabbia espulsa forma particolari disegni, ad eliche e strisce, sullo strato di ghiaccio superficiale, poi quando il ghiaccio di scioglie e i venti imperversano, ogni traccia viene quasi completamente cancellata.

I risultati dello studio sono stati riportati recentemente in tre pubblicazioni.

"E' un processo incredibilmente dinamico", ha detto Candice Hansen del Planetary Science Institute, Tucson, autore del primo dei tre nuovi rapporti.
"Abbiamo seguito questo vecchio modello, che tutta le azioni su Marte erano di miliardi di anni fa. Grazie alla capacità di monitorare i cambiamenti con il Mars Reconnaissance Orbiter, uno dei nuovi paradigmi è che Marte ha molti processi attivi oggi."

Con tre anni marziani (sei anni terrestri) di osservazioni provenienti delle immagini della fotocamera HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) della sonda NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), i ricercatori hanno potuto seguire l'andamento e la varietà dei cambiamenti stagionali: esplosioni di gas primaverili che trasportano sabbia, fratture poligonali nel ghiaccio invernale, spostamenti di dune e decorazioni di sabbia scura sul ghiaccio.

"E' una sfida riprendere questi cambiamenti quando e come avvengono, sono veloci", ha detto Ganna Portyankina dell'Università di Berna in Svizzera, principale autore della seconda relazione.
"Ecco perché solo ora si comincia ad avere un quadro più ampio, entrambi gli emisferi in realtà ci raccontano storie simili".

Il processo responsabile di creare solchi nelle dune al polo nord, assomiglia a quello che crea caratteristici disegni a forma di ragno al polo sud, tuttavia queste decorazioni a nord non sono mai state osservate. Questo perché il ghiaccio secco si sovrappone al diverso tipo di terreno che caratterizza i due emisferi.
Nel Sud il terreno è pianeggiante e facilmente erodibile, nel nord, una larga fascia di dune di sabbia circonda il permanentemente la calotta polare.

Un'altra differenza sostanziale è stata riscontrata analizzando l'albedo delle calotte ghiacciate: l'emisfero nord è ricoperto di ghiaccio d'acqua ed anidride carbonica, mentre quella a sud è solo ghiaccio secco.

Il terso articolo, a cura di Antoine Pommerol dell'Università di Berna, riguarda proprio la distribuzione del ghiaccio d'acqua a partire dai dati del Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM).

Tags: nasa - mro - marte - ghiaccio - acqua


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

New Horizons osserva Idra per la prima v…

Domenica, 14 Settembre 2014 11:40

New Horizons osserva Idra per la prima volta

Utilizzando la fotocamera Long Range Reconnaissance Imager (LORRI), la sonda della NASA New Horizons ha ripreso per la prima volta la luna più esterna conosciuta di Plutone, Idra. Le immagini fanno parte...

Curiosity inizia la missione al Monte Sh…

Sabato, 13 Settembre 2014 12:12

Curiosity inizia la missione al Monte Sharp

A fine agosto, avevamo lasciato Curiosity intento a riprendere il percorso verso il Monte Sharp, dopo aver rinunciato alla perforazione della roccia Bonanza King.Ora, il rover ha raggiunto le pendici...

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Sabato, 13 Settembre 2014 07:11

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Un mese dopo l'inizio della missione scientifica, Gaia scova una Supernova a 500 miloni di anni luce.

Fononi invece di fotoni per comunicare c…

Venerdì, 12 Settembre 2014 06:46

Fononi invece di fotoni per comunicare con un atomo artificiale

Il suono al posto della luce. I ricercatori della Chalmers University of Technology sono stati i primi a mostrare l'uso dei fononi per comunicare con un atomo artificiale. I risultati saranno pubblicati sulla...

ROSINA assaggia la cometa 67P

Giovedì, 11 Settembre 2014 22:03

ROSINA assaggia la cometa 67P

Lo strumento Rosetta Orbiter Sensor for Ion and Neutral Analysis (ROSINA), a bordo della sonda dell'ESA Rosetta, ha rilevato le prime molecole volatili intorno alla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko. I risultati sono stati...

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una su…

Giovedì, 11 Settembre 2014 06:02

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una superterra dietro l'angolo

Gli astronomi hanno appena aggiunto alla lista dei nostri potenziali vicini di casa, il pianeta extrasolare Gliese 15ab, una superterra a soli 11,7 anni luce da noi. Se la scoperta verrà confermata, Gliese...

Rover Stats

CURIOSITY ODOMETRY

Curiosity Stats

OPPORTUNITY ODOMETRY

Opportunity

a cura di Marco di Lorenzo

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • Anakin 19.09.2014 16:13
    Quindi non è proprio una rappresentazion e. Potremmo dire di guardare effettivamente un buco nero

    Leggi tutto...

     
  • Alive Universe Image 19.09.2014 15:59
    E' un'illustrazion e del buco nero supermassiccio. Ecco l'estratto della discalia dal sito ESA ...

    Leggi tutto...

     
  • Anakin 19.09.2014 14:46
    Ciao. Ma l'immagine, al centro, rivela che quello che vediamo è effettivamente un buco nero o solo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it