Spazio & Astronomia

In Primo Piano

NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

Mentre la sonda dell'ESA Rosetta, dopo 10 anni, ha incontrato la sua cometa lo scorso 6 agosto,...

Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

Ieri la sonda ha effettuato una ulteriore manovra correttiva portandosi a 80 km dal nucleo della...

Curiosity

Curiosity "spazzola" la roccia da perforare

Il rover ha appena "spazzolato" l'obiettivo delle sue prossime indagini, la roccia "Bonanza...

Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

Una recente ricerca condotta da Rainer Meckenstock, microbiologo ambientale del Helmholtz...

ESA Rosetta: il punto sulla missione

ESA Rosetta: il punto sulla missione

Dall'incontro del 6 agosto con la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, la sonda dell'ESA...

  • NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

    NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

  • Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

    Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

  • Curiosity

    Curiosity "spazzola" la roccia da perforare

  • Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

    Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

  • ESA Rosetta: il punto sulla missione

    ESA Rosetta: il punto sulla missione



Antichi condotti fossili raccontano l'acqua che scorreva su Marte



Marte regione Nilosyrtis

Credit: NASA Mars Reconnaissance Orbiter

Dopo anni di immagini ad alta risoluzione della superficie del Pianeta Rosso, una nuova ricerca si aggiunge alle recenti continue conferme: l'acqua un tempo scorreva sulla superficie di Marte.

Le reti di canali visibili nei crateri da impatto sarebbero condotti fossili, dove un tempo scorreva l'acqua che risaliva dal sottosuolo.

Il nuovo studio, a cura del neolaureato Lee Saper e del professore di scienze geologiche Jack Mustard, della Brown University, è in corso di stampa per la rivista Geophysical Research Letters.

Molti di questi segni erano già stati osservati dagli scienziati ma non era noto era il processo con cui si fossero formati.

Saper e Mustard ritengono che le venature visibili oggi siano state un tempo faglie e fratture formatesi sotto terra quando eventi da impatto scuotevano la superficie del pianeta. L'acqua indrotermale, se presente nel sottosuolo, sarebbe risalita da queste fessure verso la superficie, lentamente, depositando minerali, fino a riempire i condotti stessi.
Le rocce circostanti sarebbero poi state erose dagli agenti atmosferici, mentre all'interno delle crepe i minerali trasportati dall'acqua si sarebbero solidificati formando le creste che vediamo oggi.

Marte - Nili Fossae e Nilosyrtis

Credit: NASA and Mustard Lab/Brown University

Per verificare la loro ipotesi i ricercatori hanno mappato oltre 4000 creste di crateri marziani, nelle regioni Nili Fossae e Nilosyrtis, grazie alle immagini ad alta risoluzione del NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).

I dati ottenuti sono coerenti con l'idea che queste pieghe siano nate proprio come fratture da impatto.

A Nili Fossae gli allineamenti lasciano pensare ad un evento su larga scala mentre Nilosyrtis presenta piccoli impatti.

"Questo indicherebbe che la formazione delle fratture era il risultato dell'energia sprigionata da eventi da impatto localizzati e non associata al vulcanesimo della regione", ha detto Saper.

E' importante sottolineare che i due scienziati hanno scoperto che, dove sono presenti le caratteristiche formazioni, c'è anche molto ferro, magnesio e soprattutto argilla, un minerale considerato il segno della presenza di acqua.

"L'associazione con questi materiali idrati suggerisce che c'era una fonte d'acqua disponibile", ha detto Saper. "Che l'acqua scorreva lungo il percorso di minor resistenza, che in questo caso sarebbero stati questi condotti".

I minerali depositati avrebbero lentamente ostruito le fratture, rendendole più resistenti all'erosione rispetto alla roccia circostante. Ed in effetti le creste sembrano essere visibili solo nelle zone particolarmente erose, indicando così la lora antica origine.

Una nuova ricerca, quindi, che conferma un antico sottosuolo marziano ricco d'acqua che avrebbe potuto ospitare la vita.

"Il tema principale dell'esplorazione planetaria condotta dalla NASA è l'acqua. Qundi, queste fratture dove scorreva il liquido idrotermale, che si sono trasformate in creste, avrebbero potuto creare una biosfera valida", ha aggiunto Saper.

Saper spera che Curiosity possa far luce sul processo.
Ritiene che all'interno del cratere Gale possano esser presenti piccoli canali simili a quelli studiati su scala più grande che, non avrebbero certo assunto lo stesso tipo di funzione ma potrebbero essere facilmente analizzati dal rover.

La nostra personale speranza è che oltre alla ricerca dell'acqua passata, Curiosity osservi più da vicino le piccole fessurazioni nel cratere Gale alla ricerca dell'acqua presente.

Argomento segnalato da: PIANETABLUNEWS

Note sull'autore
Elisabetta Bonora
Author: Elisabetta BonoraEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fondatrice e principale publisher di Alive Universe Images. Mi occupo di web e video analytics presso ShinyStat (SV – Italia) ma ho una grande passione per le scienze, l'astronomia in particolare, che vorrei si trasformasse in lavoro. Da diversi anni mi dedico ad elaborare le fotografie rilasciate dalle Agenzie Spaziali Internazionali, scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima! ...Ovviamente, lo avrete capito, sono una fan di Star Trek!


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stardust portò sulla Terra sette rare mi…

Venerdì, 15 Agosto 2014 09:01

Stardust portò sulla Terra sette rare microscopiche particelle di polvere interstellare

La missione della NASA Stardust, che nel 2006 riportò sulla Terra la capsula contenente i campioni delle polveri dalla cometa Wild 2, a distanza di diversi anni ancora fa notizia.Analizzando il...

Rosetta percorre l'ultimo lato del trian…

Giovedì, 14 Agosto 2014 16:58

Rosetta percorre l'ultimo lato del triangolo

Ieri i motori della sonda sono stati accesi per fargli percorrere l'ultimo lato della prima traiettoria triangolare. Intanto è stata pubblicata una immagne mozzafiato in alta risoluzione e in 3D!

ALMA: nuove analisi su ISON e Lemmon con…

Giovedì, 14 Agosto 2014 08:24

ALMA: nuove analisi su ISON e Lemmon confermano che le comete sono fabbriche di molecole organiche

Un team internazionali di scienziati, utilizzando l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), ha ottenuto incredibili immagini 3D delle polverose atmosfere delle comete ISON e Lemmon.Queste nuove osservazioni aiutano a capire come e quando le comete...

Opportunity e Curiosity: aggiornamenti

Mercoledì, 13 Agosto 2014 19:57

Opportunity e Curiosity: aggiornamenti

Opportunity è arrivato ai piedi di una scarpata mentre Curiosity fa una sosta di "riflessione"...

ESA Rosetta: GIADA rileva i primi grani …

Mercoledì, 13 Agosto 2014 14:51

ESA Rosetta: GIADA rileva i primi grani di polvere

Il Grain Impact Analyser and Dust Accumulator (GIADA) a bordo della sonda dell'ESA Rosetta ha rilevato primi grani di polvere della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, segnando una nuova pietra miliare nell'esplorazione spaziale: questa,...

CRISM: nubi mesosferiche sopra la Valles…

Mercoledì, 13 Agosto 2014 07:26

CRISM: nubi mesosferiche sopra la Valles Marineris

Il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) è uno dei sei strumenti scientifici a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) il cui obiettivo principale è quello di mappare...

Rover Stats

CURIOSITY ODOMETRY

Curiosity Stats

OPPORTUNITY ODOMETRY

Opportunity

a cura di Marco di Lorenzo

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

ESA ROSETTA: #arewethereyet

Avete trovato la nostra bottiglia?

ESA: Rosetta, siamo arrivati? - Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin

Diteci:

DOVECOMEQUANDO

aggiungendo un commento all'articolo "ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!"

Top Video

Curiosity Front Hazcam Sol 722 - working at Bonanza King
Image credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: 2di7 & titanio44


  • Paolo Catello Fienga 06.08.2014 17:05
    Art, Imagination and Poetry. CONGRATULATIONS !

    Leggi tutto...

     
  • Marco 06.08.2014 15:06
    Le ultime foto ad alta risoluzione sono pazzesche!

    Leggi tutto...

     
  • Alive universe Image 30.07.2014 20:21
    Salve Franz, pubblico con piacere il tuo commento perché, oltre a condividere la tua opinione, potrebbe ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it