Spazio & Astronomia

In Primo Piano

NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

Mentre la sonda dell'ESA Rosetta, dopo 10 anni, ha incontrato la sua cometa lo scorso 6 agosto,...

Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

Ieri la sonda ha effettuato una ulteriore manovra correttiva portandosi a 80 km dal nucleo della...

Curiosity

Curiosity "spazzola" la roccia da perforare

Il rover ha appena "spazzolato" l'obiettivo delle sue prossime indagini, la roccia "Bonanza...

Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

Una recente ricerca condotta da Rainer Meckenstock, microbiologo ambientale del Helmholtz...

ESA Rosetta: il punto sulla missione

ESA Rosetta: il punto sulla missione

Dall'incontro del 6 agosto con la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, la sonda dell'ESA...

  • NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

    NASA Dawn: aggiornamenti sulla missione

  • Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

    Rosetta continua nella manovra di avvicinamento

  • Curiosity

    Curiosity "spazzola" la roccia da perforare

  • Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

    Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

  • ESA Rosetta: il punto sulla missione

    ESA Rosetta: il punto sulla missione



Un pianeta delle dimensioni della Terra potrebbe essere a soli 13 anni luce by NASA Kepler



Pianeti abitabili intorno alle nane rosse

Credit: D. Aguilar/Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics

Utilizzando i dati del telescopio della NASA Kepler gli astronomi del Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA) stimano che il 6% delle nane rosse presenti nella nostra Galassia, possano ospitare pianeti delle dimensioni della Terra nella loro zona abitabile, ossia ad una distanza tale dalla loro stella madre per cui possa esistere acqua allo stato liquido sulla superficie.
Con almeno 75 miliardi di nane rosse sparse per la Via Lattea, questo aumenta notevolmente il numero dei pianeti potenzialmente abitabili.

La maggior parte delle stelle più vicine al nostro Sole sono proprio nane rosse e, in generale, sono tra le più diffuse nell'Universo: anche se non possiamo vederle semplicemente nel cielo notturno a causa della loro scarsa luminosità, costituiscono il 75% delle stelle vicino a noi.

Secondo i calcoli, un pianeta delle dimensioni della Terra si troverebbe a soli 13 anni lucei.

"Non sappiamo se la vita possa esistere su un pianeta che orbita intorno ad una nana rossa ma i risultati stuzzicano la mia curiosità e mi chiedo se le culle cosmiche della vita siano più diversificate di quanto noi esseri umani abbiamo immaginato", ha commentato Natalie Batalha, scienziato della missione Kepler al NASA Ames Research Center di Moffett Field, in California

Il team di ricerca ha analizzato 95 pianeti candidati in orbita intorno a 64 nane rosse, presenti nel catalogo Kepler: tre di loro hanno temperature giuste e dimensioni più piccole rispetto alla Terra.

Una nana rossa è brillante un milionesimo rispetto al Sole ed è solo un terzo delle sue dimensioni, di conseguenza la zona abitabile potrebbe essere molto più vicina alla stella.

"Questa posizione della zona abitabile attorno alle stelle più fredde rende i pianeti più vulnerabili agli effetti dei brillamenti stellari e alle interazioni gravitazionali, complicando la nostra comprensione della loro potenziale abitabilità", ha detto Victoria Meadows, dell'Università di Washington e ricercatrice principale al NASA Astrobiology Institute. "Ma se i pianeti ipotizzati da questo studio sono effettivamente molto vicini, allora sarà molto più facile per noi fare le osservazioni necessarie per saperne di più, incluso se possono o non possono supportare la vita".

Così, un pianeta in orbita intorno ad una nana rossa, affinché possa essere abitabile, dovrebbe probabilmente avere un'atmosfera sufficientemente densa per stabilizzare la temperatura e proteggerlo dalle esplosioni stellari. Ma avrebbe il vantaggio che la sua stella esisterebbe per moltissimi anni, potenzialmente come l'Universo, quindi una vita che si fosse sviluppata in tale condizioni avrebbe in teoria a disposizione miliardi di anni di evoluzione.

I candidati planetari evidenziati in questo studio, oggetto di interesse, sono: KOI-1422.02 che è il 90% delle dimensioni della Terra ed ha un'orbita di 20 giorni; KOI-2626.01, 1,4 volte le dimensioni della Terra con un orbita di 38 giorni e KOI-854.01, 1,7 volte le dimensioni della Terra, con un orbita di 56 giorni (KOI = Kepler Object of Interest). Situati tra i 300 e i 600 anni luce di distanza, tra le stelle candidate con temperature tra i 3.400 a 3.500 Kelvin (in confronto la temperatura del Sole è di 5.800 Kelvin).

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista The Astrophysical Journal.

Note sull'autore
Elisabetta Bonora
Author: Elisabetta BonoraEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fondatrice e principale publisher di Alive Universe Images. Mi occupo di web e video analytics presso ShinyStat (SV – Italia) ma ho una grande passione per le scienze, l'astronomia in particolare, che vorrei si trasformasse in lavoro. Da diversi anni mi dedico ad elaborare le fotografie rilasciate dalle Agenzie Spaziali Internazionali, scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima! ...Ovviamente, lo avrete capito, sono una fan di Star Trek!


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stardust portò sulla Terra sette rare mi…

Venerdì, 15 Agosto 2014 09:01

Stardust portò sulla Terra sette rare microscopiche particelle di polvere interstellare

La missione della NASA Stardust, che nel 2006 riportò sulla Terra la capsula contenente i campioni delle polveri dalla cometa Wild 2, a distanza di diversi anni ancora fa notizia.Analizzando il...

Rosetta percorre l'ultimo lato del trian…

Giovedì, 14 Agosto 2014 16:58

Rosetta percorre l'ultimo lato del triangolo

Ieri i motori della sonda sono stati accesi per fargli percorrere l'ultimo lato della prima traiettoria triangolare. Intanto è stata pubblicata una immagne mozzafiato in alta risoluzione e in 3D!

ALMA: nuove analisi su ISON e Lemmon con…

Giovedì, 14 Agosto 2014 08:24

ALMA: nuove analisi su ISON e Lemmon confermano che le comete sono fabbriche di molecole organiche

Un team internazionali di scienziati, utilizzando l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), ha ottenuto incredibili immagini 3D delle polverose atmosfere delle comete ISON e Lemmon.Queste nuove osservazioni aiutano a capire come e quando le comete...

Opportunity e Curiosity: aggiornamenti

Mercoledì, 13 Agosto 2014 19:57

Opportunity e Curiosity: aggiornamenti

Opportunity è arrivato ai piedi di una scarpata mentre Curiosity fa una sosta di "riflessione"...

ESA Rosetta: GIADA rileva i primi grani …

Mercoledì, 13 Agosto 2014 14:51

ESA Rosetta: GIADA rileva i primi grani di polvere

Il Grain Impact Analyser and Dust Accumulator (GIADA) a bordo della sonda dell'ESA Rosetta ha rilevato primi grani di polvere della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, segnando una nuova pietra miliare nell'esplorazione spaziale: questa,...

CRISM: nubi mesosferiche sopra la Valles…

Mercoledì, 13 Agosto 2014 07:26

CRISM: nubi mesosferiche sopra la Valles Marineris

Il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) è uno dei sei strumenti scientifici a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) il cui obiettivo principale è quello di mappare...

Rover Stats

CURIOSITY ODOMETRY

Curiosity Stats

OPPORTUNITY ODOMETRY

Opportunity

a cura di Marco di Lorenzo

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

ESA ROSETTA: #arewethereyet

Avete trovato la nostra bottiglia?

ESA: Rosetta, siamo arrivati? - Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin

Diteci:

DOVECOMEQUANDO

aggiungendo un commento all'articolo "ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!"

Top Video

Curiosity Front Hazcam Sol 722 - working at Bonanza King
Image credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: 2di7 & titanio44


  • Paolo Catello Fienga 06.08.2014 17:05
    Art, Imagination and Poetry. CONGRATULATIONS !

    Leggi tutto...

     
  • Marco 06.08.2014 15:06
    Le ultime foto ad alta risoluzione sono pazzesche!

    Leggi tutto...

     
  • Alive universe Image 30.07.2014 20:21
    Salve Franz, pubblico con piacere il tuo commento perché, oltre a condividere la tua opinione, potrebbe ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter






Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it