MSL - Curiosity

In Primo Piano

LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

La missione GAIA è una delle più ambiziose nel campo dell'astronomia spaziale ed è...

Una piccola galassia con un grande buco nero

Una piccola galassia con un grande buco nero

Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble e quelli delle osservazioni da Terra, gli...

Ultime dai rover marziani

Ultime dai rover marziani

Curiosity si appresta ad esplorare le "Pahrumps Hills" mentre Opportunity torna al lavoro dopo la...

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

Due sonde spaziali, il  Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN) della NASA...

Dawn torna alla normalità

Dawn torna alla normalità

La sonda, ormai nella fase di avvicinamento a Cerere, era entrata in "Safe Mode" la settimana...

  • LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

    LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

  • Una piccola galassia con un grande buco nero

    Una piccola galassia con un grande buco nero

  • Ultime dai rover marziani

    Ultime dai rover marziani

  • MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

    MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

  • Dawn torna alla normalità

    Dawn torna alla normalità



Curiosity ha scoperto qualcosa di 'sconvolgente'? Forse ma per ora la missione procede normalmente



Curiosity sol 102 Navcam anaglyph

Curiosity sol 102 Navcam anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Curiosity è di nuovo in movimento.
Dopo aver soggiornato a Rocknest quasi un paio di mesi, riprende il suo cammino verso Glenelg ma non mancheranno naturalmente ulteriori tappe.

Lo scorso 16 novembre il rover ha guidato nuovamente per la prima volta percorrendo 1,9 metri in direzione di un nuovo target, la roccia chiamata “Rocknest 3”. Domenica 18 novembre (sol 102) l'ha analizzata con il suo spettrometro Alpha Particle X-Ray (APXS) per 10 minuti e poi di nuovo uno spostamento di 25,3 metri verso est, diretto in una zona chiamata “Point Lake”.

“Abbiamo già toccato e abbiamo già camminato ma questo è il primo nostro 'touch-and-go' lo stesso giorno”, ha detto Michael Watkins, Mission Manager della missione Curiosity al NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California. “E’ un buon segno,  il team sta prendendo confidenza con una complessa pianificazione operativa che ci servirà nelle prossime settimane”.

Durante il Giorno del Ringraziamento, il team utilizzerà la Mastcam di Curiosity da Point Lake per esaminare possibili percorsi ed obiettivi ad est. Una delle priorità è quella di scegliere un target per il primo utilizzo del trapano che raccoglierà campioni di polvere all’interno delle rocce.

Anche se il rover ha ormai abbandonato il sito di Rocknest, campo di studio e test per le prime analisi, nella paletta contiene ancora un po’ di sabbia del quinto ed ultimo scoop. Il rover lo sta conservando perchè gli scienziati, nei prossimi giorni, potrebbero decidere di fare ancora qualche analisi.

E mentre la missione sembra proseguire con una tranquilla routine, il sito universetoday.com, riporta che John Grotzinger, project manager della missione Curiosity, in un’intervista rilasciata recentemente, ha dichiarato che ci sarà qualche grande notizia a breve.

Gli scienziati dovranno prima essere certi dei risultati ma sembrerebbe che, il campione di suolo marziano sniffato dal SAM (Sample Analysis at Mars), mostri qualcosa di sconvolgente.
 
“Questi dati segneranno i libri di storia”, ha dichiarato Grotzinger.

Di cosa si tratterà? Certo è, che ora ci hanno lasciato con il fiato sospeso!

Il SAM è stato progettato per studiare la composizione chimica ed isotopica dell’atmosfera e del suolo marziano.
E’ uno strumento fondamentale per la ricerca delle molecole organiche e quindi per lo studio della vita su Marte. Mentre però, la vita non può esistere senza molecole organiche, è vero il contrario e queste possono esistere senza vita.
Ma definire sconvolgente una scoperta, dovrebbe lasciare intendere un risultato positivo.

Curiosity già ha trovato le prove dell’acqua che scorreva copiosa nel cratere Gale.
Se il SAM avesse realmente rilevato materiale organico, il prossimo passo sarebbe quello di determinarne l’origine.

Quando il SAM ha analizzato l’aria marziana per la prima volta, le letture iniziali registravano grandi quantità di metano ma nonostante l’eccitazione, si è poi scoperto che il dato corrispondeva ad residuo di aria proveniente dalla Florida prima del lancio. Quindi ora, qualsiasi sia la grande scoperta, il team vuole avere una certezza assoluta dei risultati ottenuti prima di rilasciare qualsiasi dichiarazione. E questo non avverrà prima di altre diverse settimane. Abbiamo tutto il tempo per fare ipotesi, speculazioni ed incrociare le dita!

AGGIORNAMENTO
Dal sito space.com, Grotzinger conferma che si parlerà della scoperta all'American Geophysical Union, a San Francisco, 3 - 7 dicembre.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

New Horizons osserva Idra per la prima v…

Domenica, 14 Settembre 2014 11:40

New Horizons osserva Idra per la prima volta

Utilizzando la fotocamera Long Range Reconnaissance Imager (LORRI), la sonda della NASA New Horizons ha ripreso per la prima volta la luna più esterna conosciuta di Plutone, Idra. Le immagini fanno parte...

Curiosity inizia la missione al Monte Sh…

Sabato, 13 Settembre 2014 12:12

Curiosity inizia la missione al Monte Sharp

A fine agosto, avevamo lasciato Curiosity intento a riprendere il percorso verso il Monte Sharp, dopo aver rinunciato alla perforazione della roccia Bonanza King.Ora, il rover ha raggiunto le pendici...

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Sabato, 13 Settembre 2014 07:11

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Un mese dopo l'inizio della missione scientifica, Gaia scova una Supernova a 500 miloni di anni luce.

Fononi invece di fotoni per comunicare c…

Venerdì, 12 Settembre 2014 06:46

Fononi invece di fotoni per comunicare con un atomo artificiale

Il suono al posto della luce. I ricercatori della Chalmers University of Technology sono stati i primi a mostrare l'uso dei fononi per comunicare con un atomo artificiale. I risultati saranno pubblicati sulla...

ROSINA assaggia la cometa 67P

Giovedì, 11 Settembre 2014 22:03

ROSINA assaggia la cometa 67P

Lo strumento Rosetta Orbiter Sensor for Ion and Neutral Analysis (ROSINA), a bordo della sonda dell'ESA Rosetta, ha rilevato le prime molecole volatili intorno alla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko. I risultati sono stati...

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una su…

Giovedì, 11 Settembre 2014 06:02

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una superterra dietro l'angolo

Gli astronomi hanno appena aggiunto alla lista dei nostri potenziali vicini di casa, il pianeta extrasolare Gliese 15ab, una superterra a soli 11,7 anni luce da noi. Se la scoperta verrà confermata, Gliese...

Rover Stats

CURIOSITY ODOMETRY

Curiosity Stats

OPPORTUNITY ODOMETRY

Opportunity

a cura di Marco di Lorenzo

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • Anakin 19.09.2014 16:13
    Quindi non è proprio una rappresentazion e. Potremmo dire di guardare effettivamente un buco nero

    Leggi tutto...

     
  • Alive Universe Image 19.09.2014 15:59
    E' un'illustrazion e del buco nero supermassiccio. Ecco l'estratto della discalia dal sito ESA ...

    Leggi tutto...

     
  • Anakin 19.09.2014 14:46
    Ciao. Ma l'immagine, al centro, rivela che quello che vediamo è effettivamente un buco nero o solo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it