MSL - Curiosity

In Primo Piano

LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

La missione GAIA è una delle più ambiziose nel campo dell'astronomia spaziale ed è...

Una piccola galassia con un grande buco nero

Una piccola galassia con un grande buco nero

Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble e quelli delle osservazioni da Terra, gli...

Ultime dai rover marziani

Ultime dai rover marziani

Curiosity si appresta ad esplorare le "Pahrumps Hills" mentre Opportunity torna al lavoro dopo la...

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

Due sonde spaziali, il  Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN) della NASA...

Dawn torna alla normalità

Dawn torna alla normalità

La sonda, ormai nella fase di avvicinamento a Cerere, era entrata in "Safe Mode" la settimana...

  • LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

    LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

  • Una piccola galassia con un grande buco nero

    Una piccola galassia con un grande buco nero

  • Ultime dai rover marziani

    Ultime dai rover marziani

  • MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

    MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

  • Dawn torna alla normalità

    Dawn torna alla normalità



Il "Fiore di Marte" tra gli scatti di Curiosity a Yellowknife Bay



CURIOSITY sol 132 MAHLI - il Fiore di Marte

CURIOSITY sol 132 MAHLI - il Fiore di Marte
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Dopo il clamore scatenato dalle immagini del misterioso e brillante oggetto del sol 61, successivamente ritenuto una parte del rover, ecco una nuova foto che fa parlare di sé.
Lo scatto risale ai subframe del MAHLI (Mars Hand Lens Imager ) del sol 132 di Curiosity.

L'immagine è stata scattata dal rover il 19 dicembre 2012 alle 17:44:33 UTC (disponibile sul sito ufficiale al seguente link http://mars.jpl.nasa.gov/msl/multimedia/raw/?rawid=0132MH0158001000E1_DXXX&s=132) e da noi successivamente elaborata e pubblicata sul nostro canale di Flickr il 23 dicembre 2012. Solo due giorni dopo, il giorno di Natale, la nostra elaborazione è stata diffusa anche sul canale www.lunexit.it.

Il presidente e fondatore di Lunar Explorer Italia/Italian Planetary Foundation Dr. Paolo C. Fienga, presentando l'immagine, aveva scritto:

"Vi suggeriamo di notare l'apparente "sgranatura" ed "apertura secondo linee di frammentazione" delle sue componenti emergenti (una sorta di micro-pistilli - passateci il paragone, please...).

La nostra ipotesi "esotica"? E' un "fiore", oppure il residuo madreperlaceo di una qualche Forma Vitale Indigena."

Oggi, questa foto sta facendo il giro del mondo: forum, blog e testate giornalistiche, nazionali e d'oltreoceano, parlano del "Fiore di Marte": così, l'intuizione del Dr. Fiega di oltre 10 giorni fa, si è trasformata in una notizia da prima pagina.

Curiosity, raggiunta l'interessante area geologica di “Glenelg”, è arrivato sul bordo della zona chiamata "Yellowknife Bay" durante il sol 124 e si è inserito nel bacino nel sol 125 (12 dicembre).

Durante il periodo festivo ha scattato molte foto panoramiche che consentiranno al team di missione di selezionare la roccia da utilizzare per la prima perforazione con il trapano.

CURIOSITY NavCam right sol 133

CURIOSITY NavCam right sol 133
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

L'area in cui si trova il rover non manca di curiose formazioni: nel panorama 360° ripreso con la NavCam di Curiosity la NASA stessa ha segnalato, proprio al centro del mosaico, una roccia a forma di serpente, soprannominata quindi "Snake River". E' una sottile linea curva di roccia scura che si estende sopra la zona più chiara e pianeggiante, sicuramente un obiettivo valido per gli strumenti del rover.
"E' un pezzo del puzzle" ha detto John Grotzinger del California Institute of Technology di Pasadena, in un comunicato. "E' in relazione con la roccia circostante e sembra essersi formato dopo lo strato che lo attraversa".

Il "fiore di Marte", invece, è stato ripreso dal MAHLI, la fotocamera di Curiosity utilizzata per scatti ravvicinati.

Al momento non conosciamo nello specifico la scala di acquisizione ma il dettaglio potrebbe essere veramente piccolo: non dimentichiamo infatti che il MAHLI può arrivare ad una risoluzione di 15 micrometri per pixel.

La strana formazione, sia che si scelga un'interpretazione esotica o meno, è indubbiamente interessante: è un dettaglio assolutamente isolato sulla roccia che lo ospita. Apparentemente trasparente, traslucido, riflettente, sembra in parte incastonato nella superficie ma isolato rispetto ad essa.

Anche se fosse solo un minerale, meriterebbe di certo un approfondimento.

E mentre il web si scatena con interpretazioni varie, arriva una conferma direttamente dalla NASA, tramite il portavoce del JPL, Guy Webster che ha dichiarato a NBCNews.com: "l'oggetto sembra essere parte della roccia e non un detrito del rover".


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

New Horizons osserva Idra per la prima v…

Domenica, 14 Settembre 2014 11:40

New Horizons osserva Idra per la prima volta

Utilizzando la fotocamera Long Range Reconnaissance Imager (LORRI), la sonda della NASA New Horizons ha ripreso per la prima volta la luna più esterna conosciuta di Plutone, Idra. Le immagini fanno parte...

Curiosity inizia la missione al Monte Sh…

Sabato, 13 Settembre 2014 12:12

Curiosity inizia la missione al Monte Sharp

A fine agosto, avevamo lasciato Curiosity intento a riprendere il percorso verso il Monte Sharp, dopo aver rinunciato alla perforazione della roccia Bonanza King.Ora, il rover ha raggiunto le pendici...

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Sabato, 13 Settembre 2014 07:11

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Un mese dopo l'inizio della missione scientifica, Gaia scova una Supernova a 500 miloni di anni luce.

Fononi invece di fotoni per comunicare c…

Venerdì, 12 Settembre 2014 06:46

Fononi invece di fotoni per comunicare con un atomo artificiale

Il suono al posto della luce. I ricercatori della Chalmers University of Technology sono stati i primi a mostrare l'uso dei fononi per comunicare con un atomo artificiale. I risultati saranno pubblicati sulla...

ROSINA assaggia la cometa 67P

Giovedì, 11 Settembre 2014 22:03

ROSINA assaggia la cometa 67P

Lo strumento Rosetta Orbiter Sensor for Ion and Neutral Analysis (ROSINA), a bordo della sonda dell'ESA Rosetta, ha rilevato le prime molecole volatili intorno alla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko. I risultati sono stati...

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una su…

Giovedì, 11 Settembre 2014 06:02

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una superterra dietro l'angolo

Gli astronomi hanno appena aggiunto alla lista dei nostri potenziali vicini di casa, il pianeta extrasolare Gliese 15ab, una superterra a soli 11,7 anni luce da noi. Se la scoperta verrà confermata, Gliese...

Rover Stats

CURIOSITY ODOMETRY

Curiosity Stats

OPPORTUNITY ODOMETRY

Opportunity

a cura di Marco di Lorenzo

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • Anakin 19.09.2014 16:13
    Quindi non è proprio una rappresentazion e. Potremmo dire di guardare effettivamente un buco nero

    Leggi tutto...

     
  • Alive Universe Image 19.09.2014 15:59
    E' un'illustrazion e del buco nero supermassiccio. Ecco l'estratto della discalia dal sito ESA ...

    Leggi tutto...

     
  • Anakin 19.09.2014 14:46
    Ciao. Ma l'immagine, al centro, rivela che quello che vediamo è effettivamente un buco nero o solo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it