MSL - Curiosity

In Primo Piano

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

A quanto pare, nonostante qualche incidente di percorso, il lander e il rover della missione...

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una...

ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

Mercoledì 9 luglio, l'ESA ha dato il via ad un concorso creativo per accompagnare la fase...

Le ultime drammatiche ore della cometa ISON

Le ultime drammatiche ore della cometa ISON

In molti lo avevano già sospettato ma ora un nuovo studio, basato sui dati ESA/NASA del...

ESA Rosetta: la doppia personalità della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

ESA Rosetta: la doppia personalità della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

67P/Churyumov-Gerasimenko non è una cometa qualunque, ne abbiamo avuto la prova il 15 luglio...

  • Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

    Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

  • Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

    Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

  • ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

    ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

  • Le ultime drammatiche ore della cometa ISON

    Le ultime drammatiche ore della cometa ISON

  • ESA Rosetta: la doppia personalità della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

    ESA Rosetta: la doppia personalità della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko



Curiosity si prepara all'utilizzo del trapano: test di pre-carico su John Klein



CURIOSITY sol 168 John Klein - test di pre-carico

CURIOSITY sol 168 John Klein - test di pre-carico
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il rover della NASA Curiosity si sta preparando al primo utilizzo del trapano ed  il 27 gennaio 2012, ha posato lo strumento per quattro volte sulla superficie del target designato, la roccia chiamata "John Klein", in onore dell'ex vice-responsabile del progetto Mars Science Laboratory morto nel 2011.

Così facendo, dopo la preparazione dei giorni scorsi, Curiosity ha effettuato un test di pre-carico su Marte, che consente agli ingegneri di valutare se il tipo di forza applicata è idoneo e coincidente con quanto precedentemente simulato.

Il braccio robotico di Curiosity è progettato per precaricare il trapano sulla roccia con una farza minima pari a 300 Newton (che con la gravità terrestre, corrispondono a circa 30 chili), fino ad arrivare a 400 Newton o anche di più.
Naturalmente, la roccia da perforare, oltre ad avere una precisa consistenza e stabilità, dovrà offrire lo spazio necessario affinché il rover possa appoggiare gli otto sostegni del trapano.

Una parte della superficie di John Klein è stata preparata e spazzolata dal Dust Removal Tool del rover.

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein anaglyph

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Dopo ogni operazione il MAHLI (Mars Lens Imager) ha ripreso l'area di lavoro.
In queste immagini, i fori visibili, dovrebbero essere i segni lasciati dagli appoggi del trapano.

Il passo successivo sarà quello di lasciare il trapano appoggiato sulla superficie per un'intera notte per valutare l'eventuale influenza delle variazioni termiche, considerato che nel cratere Gale si hanno sbalzi di temperatura che vanno dai 0° Celsius nel pomeriggio fino a -65° Celsius durante le ore notturne.
In base a questa escursione termica il telaio del braccio robotico del rover può subire variazioni fino a 0,25 centimetri.

In generale, la struttura di Curiosity, con un'escursione termica di 100° Celsius potrebbe contrarsi e dilatarsi fino a 4 millimetri, un valore da non sottovalutare.

I comandi per la notte di test sono stati inviati lunedì scorso.

"Non abbiamo intenzione di lasciare il trapano nelle roccia durante la notte una volta iniziata la foratura ma nel caso in cui dovesse accadere, è importante sapere cosa aspettarsi in termini di stress hardware", ha spiegato Daniel Limonadi del JPL.
"Questo test utilizza bassi valori di pre-carico rispetto a quelli che intendiamo utilizzare durante la perforazione, per conoscere gli effetti della temperatura senza mettere l'hardware a rischio".

In definitiva, le verifiche impegneranno il team di missione ancora tutta la settimana, sia per test tecnici di strumentazione, sia per una valutazione del comportamento del target scelto.

Limonadi ha aggiunto: "Stiamo procedendo con cautela per la prima perforazione di Curiosity. Questa è una sfida. Sarà la prima volta che un robot perfora una roccia per raccogliere un campione su Marte".

Un altro test, chiamato "drill-on-rock checkout", userà l'azione martellante della punta del trapano di Curiosity, senza la rotazione e, una prova successiva, "mini-drill", effettuerà un piccolo foro di soli 2 centimetri senza che la polvere venga spinta nella camera di stoccaggio del trapano.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NASA Curiosity: perché il MAHLI guarda i…

Sabato, 12 Luglio 2014 23:01

NASA Curiosity: perché il MAHLI guarda il cielo?

Il Mars Hand Lens Imager (MAHLI) è la fotocamera montata sul braccio robotico di Curiosity che ha lo scopo primario di acquisire immagini ravvicinate della superficie e delle rocce di Marte. A volte...

La voce delle meteore

Venerdì, 11 Luglio 2014 06:32

La voce delle meteore

Utilizzando il Long Wavelength Array del New Mexico (LWA), presso l'Università del New Mexico (UNM), gli astronomi hanno ascoltato le meteore per la prima volta, quelle luminose palle di fuoco che...

Le forze di marea: un elemento chiave pe…

Giovedì, 10 Luglio 2014 13:33

Le forze di marea: un elemento chiave per la vita sui pianeti extrasolari simili alla terra

Nuovi modelli sui pianeti extrasolari simili alla Terra, in orbite particolarmente difficili, dimostrano che le forze di marea rappresentano uno degli elementi chiave per la loro sopravvivenza. Un mondo potenzialmente abitabile, infatti, che orbita...

2 luglio: NASA Cassini osserva il polo n…

Mercoledì, 09 Luglio 2014 21:43

2 luglio: NASA Cassini osserva il polo nord di Saturno

Ci dovremo abituare a queste vedute suggestive di Saturno perché la sonda della NASA Cassini, a partire dal 2016, inizierà le orbite finali che la porteranno sempre più vicino al...

NASA Voyager 1: gli "tsunami solari…

Martedì, 08 Luglio 2014 06:59

NASA Voyager 1: gli "tsunami solari" osano fino allo spazio interstellare

La sonda della NASA Voyager 1 ancora risente degli effetti del Sole pur navigando nello spazio interstellare.Nell'autunno 2013, sono state proprio le onde d'urto provenienti dalla nostra stella a convincere gli scienziati che...

Smectite Valley, la prossima meta del ro…

Martedì, 08 Luglio 2014 05:27

Smectite Valley, la prossima meta del rover della NASA Opportunity

Avevamo lasciato Opportunity ai primi di aprile, con l'ultimo report, quando a Meridiani Planum tirava aria di primavera. Uno dei periodi migliori per il rover che, oltre a godere di temperature...

Rubriche

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video

Curiosity sol 687 - MAHLI has captured the plasma plume generated when ChemCam zaps "Nova" rock!
"Courtesy NASA/JPL /Caltech/MSSS" processing 2di7 & titanio44

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter






Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it