MSL - Curiosity

In Primo Piano

Una piccola galassia con un grande buco nero

Una piccola galassia con un grande buco nero

Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble e quelli delle osservazioni da Terra, gli...

Ultime dai rover marziani

Ultime dai rover marziani

Curiosity si appresta ad esplorare le "Pahrumps Hills" mentre Opportunity torna al lavoro dopo la...

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

Due sonde spaziali, il  Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN) della NASA...

Dawn torna alla normalità

Dawn torna alla normalità

La sonda, ormai nella fase di avvicinamento a Cerere, era entrata in "Safe Mode" la settimana...

WASP-18: invecchiata dal pianeta

WASP-18: invecchiata dal pianeta

Nuovi dati dell'Osservatorio della NASA Chandra X-ray dimostrano come un pianeta massiccio...

  • Una piccola galassia con un grande buco nero

    Una piccola galassia con un grande buco nero

  • Ultime dai rover marziani

    Ultime dai rover marziani

  • MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

    MAVEN e MOM: si avvicina l'appuntamento con Marte

  • Dawn torna alla normalità

    Dawn torna alla normalità

  • WASP-18: invecchiata dal pianeta

    WASP-18: invecchiata dal pianeta



Curiosity si prepara all'utilizzo del trapano: test di pre-carico su John Klein



CURIOSITY sol 168 John Klein - test di pre-carico

CURIOSITY sol 168 John Klein - test di pre-carico
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il rover della NASA Curiosity si sta preparando al primo utilizzo del trapano ed  il 27 gennaio 2012, ha posato lo strumento per quattro volte sulla superficie del target designato, la roccia chiamata "John Klein", in onore dell'ex vice-responsabile del progetto Mars Science Laboratory morto nel 2011.

Così facendo, dopo la preparazione dei giorni scorsi, Curiosity ha effettuato un test di pre-carico su Marte, che consente agli ingegneri di valutare se il tipo di forza applicata è idoneo e coincidente con quanto precedentemente simulato.

Il braccio robotico di Curiosity è progettato per precaricare il trapano sulla roccia con una farza minima pari a 300 Newton (che con la gravità terrestre, corrispondono a circa 30 chili), fino ad arrivare a 400 Newton o anche di più.
Naturalmente, la roccia da perforare, oltre ad avere una precisa consistenza e stabilità, dovrà offrire lo spazio necessario affinché il rover possa appoggiare gli otto sostegni del trapano.

Una parte della superficie di John Klein è stata preparata e spazzolata dal Dust Removal Tool del rover.

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein anaglyph

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Dopo ogni operazione il MAHLI (Mars Lens Imager) ha ripreso l'area di lavoro.
In queste immagini, i fori visibili, dovrebbero essere i segni lasciati dagli appoggi del trapano.

Il passo successivo sarà quello di lasciare il trapano appoggiato sulla superficie per un'intera notte per valutare l'eventuale influenza delle variazioni termiche, considerato che nel cratere Gale si hanno sbalzi di temperatura che vanno dai 0° Celsius nel pomeriggio fino a -65° Celsius durante le ore notturne.
In base a questa escursione termica il telaio del braccio robotico del rover può subire variazioni fino a 0,25 centimetri.

In generale, la struttura di Curiosity, con un'escursione termica di 100° Celsius potrebbe contrarsi e dilatarsi fino a 4 millimetri, un valore da non sottovalutare.

I comandi per la notte di test sono stati inviati lunedì scorso.

"Non abbiamo intenzione di lasciare il trapano nelle roccia durante la notte una volta iniziata la foratura ma nel caso in cui dovesse accadere, è importante sapere cosa aspettarsi in termini di stress hardware", ha spiegato Daniel Limonadi del JPL.
"Questo test utilizza bassi valori di pre-carico rispetto a quelli che intendiamo utilizzare durante la perforazione, per conoscere gli effetti della temperatura senza mettere l'hardware a rischio".

In definitiva, le verifiche impegneranno il team di missione ancora tutta la settimana, sia per test tecnici di strumentazione, sia per una valutazione del comportamento del target scelto.

Limonadi ha aggiunto: "Stiamo procedendo con cautela per la prima perforazione di Curiosity. Questa è una sfida. Sarà la prima volta che un robot perfora una roccia per raccogliere un campione su Marte".

Un altro test, chiamato "drill-on-rock checkout", userà l'azione martellante della punta del trapano di Curiosity, senza la rotazione e, una prova successiva, "mini-drill", effettuerà un piccolo foro di soli 2 centimetri senza che la polvere venga spinta nella camera di stoccaggio del trapano.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Curiosity inizia la missione al Monte Sh…

Sabato, 13 Settembre 2014 12:12

Curiosity inizia la missione al Monte Sharp

A fine agosto, avevamo lasciato Curiosity intento a riprendere il percorso verso il Monte Sharp, dopo aver rinunciato alla perforazione della roccia Bonanza King.Ora, il rover ha raggiunto le pendici...

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Sabato, 13 Settembre 2014 07:11

GAIA scopre la sua prima Supernova!

Un mese dopo l'inizio della missione scientifica, Gaia scova una Supernova a 500 miloni di anni luce.

Fononi invece di fotoni per comunicare c…

Venerdì, 12 Settembre 2014 06:46

Fononi invece di fotoni per comunicare con un atomo artificiale

Il suono al posto della luce. I ricercatori della Chalmers University of Technology sono stati i primi a mostrare l'uso dei fononi per comunicare con un atomo artificiale. I risultati saranno pubblicati sulla...

ROSINA assaggia la cometa 67P

Giovedì, 11 Settembre 2014 22:03

ROSINA assaggia la cometa 67P

Lo strumento Rosetta Orbiter Sensor for Ion and Neutral Analysis (ROSINA), a bordo della sonda dell'ESA Rosetta, ha rilevato le prime molecole volatili intorno alla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko. I risultati sono stati...

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una su…

Giovedì, 11 Settembre 2014 06:02

Pianeta exstrasolare Gliese 15Ab: una superterra dietro l'angolo

Gli astronomi hanno appena aggiunto alla lista dei nostri potenziali vicini di casa, il pianeta extrasolare Gliese 15ab, una superterra a soli 11,7 anni luce da noi. Se la scoperta verrà confermata, Gliese...

Rosetta entra in orbita!

Giovedì, 11 Settembre 2014 05:10

Rosetta entra in orbita!

Rosetta e la cometa stringono il legame gravitazionale mentre Philae fotografa la coppia!

Rover Stats

CURIOSITY ODOMETRY

Curiosity Stats

OPPORTUNITY ODOMETRY

Opportunity

a cura di Marco di Lorenzo

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • Alive Universe Image 04.09.2014 10:36
    Salve Marco, ringraziandola per la segnalazione, ne ho approfittato per rendere la frase più esplicativa ...

    Leggi tutto...

     
  • Marco 04.09.2014 09:31
    Affascinante! A quanto pare il nostro gruppo locale, insieme all'ammasso della Vergine, è quasi al ...

    Leggi tutto...

     
  • Marco 02.09.2014 22:17
    C'e' un piccolo refuso nella frase "..Il flusso energetico impiega 8 minuti per raggiungere il nostro ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it