MSL - Curiosity

In Primo Piano

ESA Rosetta: -4 giorni! Gli ultimi aggiornamenti sulla cometa 67P

ESA Rosetta: -4 giorni! Gli ultimi aggiornamenti sulla cometa 67P

Ormai mancano appena 4 giorni all'incontro della sonda dell'ESA Rosetta con la...

LA NASA annuncia il payload per la missione Mars 2020

LA NASA annuncia il payload per la missione Mars 2020

Il prossimo rover che la NASA invierà su Marte nel 2020 sarà dotato di sette strumenti...

Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

Nel vasto ed apparentemente vuoto spazio interstellare, si aggirano in realtà molecole...

ESA: Venus Express risale dall'inferno

ESA: Venus Express risale dall'inferno

La sonda dell'ESA Venus Express ha concluso il suo esperimento di aerobraking...

NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

Sembra un numero incredibile ma analizzando i dati rilevati dalla sonda della NASA Cassini, gli...

  • ESA Rosetta: -4 giorni! Gli ultimi aggiornamenti sulla cometa 67P

    ESA Rosetta: -4 giorni! Gli ultimi aggiornamenti sulla cometa 67P

  • LA NASA annuncia il payload per la missione Mars 2020

    LA NASA annuncia il payload per la missione Mars 2020

  • Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

    Misteriose molecole per misteriose bande interstellari diffuse

  • ESA: Venus Express risale dall'inferno

    ESA: Venus Express risale dall'inferno

  • NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado

    NASA Cassini: i segreti dei 101 geyser di Encelado



Curiosity: il paradiso geologico del cratere Gale a 360°



CURIOSITY SOL 170 mastCam Left panorama

CURIOSITY SOL 170 mastCam Left panorama
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Mentre è in attesa della prima perforazione, Curiosity si gode il panorama.

Durante gli ultimi sol il rover, oltre a concentrarsi sul suo target "John Klein", ha utilizzato la MastCam per riprendere un panorama del cratere Gale.

Nel sol 170 la MastCam left ha ripreso la zona a 360°.
Il mosaico che abbiamo pubblicato è un quasi 360°, manca infatti ancora una piccola porzione che abbiamo deciso volutamente di non integrare in attesa dell'arrivo a Terra dei frame mancanti. (* Aggiornamento)
Tuttavia, l'interessantissima area di lavoro del rover è pienamente visibile.

Oltre all'insistente percezione atmosferica che permane in lontananza in tutti questi paesaggi fotografati da Curiosity all'interno della conca del cratere Gale, l'area a sinistra dell'immagine sembra essere offuscata.
Potrebbe dipendere da una reale opacità atmosferica concentrata nella zona o da diversi tempi di esposizione dei singoli scatti, dato di cui non disponiamo, oppure, da diverse condizioni di illuminazione. Ipotesi, questa, che tendiamo però ad escludere, data la sequenzialità degli scatti.

Il team ha scelto di guidare il rover verso Yellowknife Bay, nell'area di Glenelg perchè la zona sembra presentare un vero e proprio paradiso geologico. L'area, chiamata "The Triple Point", si trova all'incrocio di tre diversi tipi di terreno: fango indurito, roccia vulcanica basaltica e conoide alluvionale, dove è atterrato Curiosity lo scorso agosto.

Una zona complessa, non tanto diversa da ambienti terrestri.
Due aree della California tra cui le montagne vicino Santa Monica, a nord di Malibu, sono state selezionate per recuperare rocce simili a quelle marziane da utilizzare come test di pre-forazione.

Robert C. Anderson, geologo del team di missione, ha detto che mentre stavano cercando rocce valide come campioni, hanno trovato quello di cui avevano bisogno, "fango indurito", ossia roccia sedimentaria a grana fine.
Altre rocce, vicino a Salton Sea, a sud di Palm Springs, formatesi in presenza di acqua e ricche di solfato di calcio, somiglierebbero per composizione a quanto rilevato dalla ChemCam e dallo spettrometro Alpha Particle X-ray (APXS).

Anche se il team di missione non sa che tipo di chimica troverà nelle rocce marziane, spera di aver raccolto campioni significativi per i test.
Le rocce prelevate sono state scaldate per far perdere loro un certo contenuto di umidità e renderle più simili alle rocce marziane.

Certo è che il terreno di azione di Curiosity è estremamente articolato ed interessante: strati geologici si sovrappongono raccontando una storia complicata.

CURIOSITY sol 172 MastCam right

CURIOSITY sol 172 MastCam right
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Tra il 360° e la porzione di panorama qui in alto, scienziati e appassionati di pareidolia possono sbizzarrirsi. Non mancano infatti forme curiose e strani equilibri. Di tanto in tanto, si riescono a distinguere anche i segni lasciati dal rover, dovuti non solo al suo passaggio ma anche all'uso della sua strumentazione: righe, fori, spazzolate...

A tal proposito, ricordiamo i strani disegni individuati tra gli scatti della MastCam right e del MAHLI, rispettivamente del sol 159 e 161. Ironicamente da noi soprannominati "tattoo", sono sicuramente un segno distintivo delle attività del rover ma restano ad oggi non identificati. Cosa li ha creati?

CURIOSITY sol 159 MastCam right e sol 161 MAHLI anaglyph "tattoo" & small crack

CURIOSITY sol 159 MastCam right e sol 161 MAHLI anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Nel secondo mosaico, sono ben visibili anche le fessurazioni di cui abbiamo già parlato.

Ci devono essere dei vuoti li sotto e queste crepe devono essere abbastanza recenti tanto da non esser ancora state riempite dalla sabbia. A nostro avviso ricordano molto un effetto analogo creato dall'acqua sulle nostre spiagge o nei pressi dei fiumi, quando l'acqua stessa si ritira nel sottosuolo trascinando con sé i granelli di sabbia. Oppure possono essere semplici spostamenti del terreno ma in ogni caso, ciò significherebbe che c'è indubbiamente un processo attivo su Marte ora.

Le tracce lasciate dal viaggio di Curiosity, tra il sol 127 e il 132, sono visibili in alto a destra insieme ad alcuni danni causati alle rocce lungo il percorso dalle ruote del rover. Rocce scrostate come quella utilizzata per il test delle prime foto notturne scattate dal MAHLI.

Proprio ieri, sono state pubblicate sul sito ufficiale nuove bellissime riprese del MAHLI, scatti ravvicinati del terreno vicino a Curiosity, del sol 173. Oggi il rover potrebbe iniziare ad utilizzare il trapano per il test chiamato "drill-on-rock checkout", con la sola azione a percussione, senza rotazione. Chissà che l'area designata non sia proprio quella guardata da vicino con il MAHLI.

CURIOSITY sol 173 MAHLI 0173MH0190001000E1_DXXX

CURIOSITY sol 173 MAHLI 0173MH0190001000E1_DXXX
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

CURIOSITY sol 173 MAHLI 0173MH0227000001R0_DXXX

CURIOSITY sol 173 MAHLI 0173MH0227000001R0_DXXX
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

CURIOSITY sol 173 MAHLI 3D

CURIOSITY sol 173 MAHLI 3D
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

* Aggiornamento  Eccola, la nostra versione del panorama 360° osservato dal sito 6 di Curiosity.
In questo mosaico abbiamo integrato la porzione a destra sempre ricavata con le immagini del sol 170 ed aggiunto una patch, volutamente visibile, recuperando l'area mancante dal sol 137 (naturalmente il punto di vista era leggermente diverso).

CURIOSITY full panorama sol 170 and sol 137 patch

CURIOSITY full panorama sol 170 and sol 137 patch
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON a…

Giovedì, 24 Luglio 2014 07:25

Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare

Nel 2012 il team della missione Voyager 1 aveva annunciato che la sonda era ufficialmente diventata il primo veicolo spaziale costruito dall'uomo ad aver raggiunto lo spazio interstellare. Dopo una serie di notizie contrastanti, infatti, i...

Pianeta extrasolare Kepler-421b: un inte…

Mercoledì, 23 Luglio 2014 06:37

Pianeta extrasolare Kepler-421b: un intervallo di transito da record

Kepler-421b è il nuovo pianeta extrasolare, scoperto tra i dati rilevati dal telescopio della NASA Kepler, con l'intervallo dil transito più lungo mai osservato: un anno su Kepler-421B dura 704 giorni...

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa del…

Martedì, 22 Luglio 2014 06:14

Chang'E 3: l'anomalia di Yutu? Colpa delle rocce

A quanto pare, nonostante qualche incidente di percorso, il lander e il rover della missione cinese Chang'E 3 sono ancora vivi ed in grado di comunicare, nonostante il rover, Jade Rabbit, fosse stato...

Confermata l'origine extragalattica dei …

Lunedì, 21 Luglio 2014 06:20

Confermata l'origine extragalattica dei Fast Radio Burst

Utilizzando il radiotelescopio di Arecibo a Puerto Rico, gli scienziati hanno ascoltato una raffica di lampi radio veloci, durata una frazione di secondo, proveniente dallo spazio profondo. La scoperta, che è...

ESA: are we there yet? Un sabato giocand…

Domenica, 20 Luglio 2014 18:43

ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!

Mercoledì 9 luglio, l'ESA ha dato il via ad un concorso creativo per accompagnare la fase principale della missione Rosetta. Dopo 10 anni nello spazio e 6 miliardi di chilometri percorsi,...

Le ultime drammatiche ore della cometa I…

Venerdì, 18 Luglio 2014 06:23

Le ultime drammatiche ore della cometa ISON

In molti lo avevano già sospettato ma ora un nuovo studio, basato sui dati ESA/NASA del Solar and Heliospheric Observatory (SOHO), conferma che la cometa 2012/S1 (ISON) aveva smesso di produrre polveri...

Rubriche

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

ESA ROSETTA: #arewethereyet

Avete trovato la nostra bottiglia?

ESA: Rosetta, siamo arrivati? - Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin

Diteci:

DOVECOMEQUANDO

aggiungendo un commento all'articolo "ESA: are we there yet? Un sabato giocando con Rosetta!"

Top Video

Titan Alpha Eridiani occultation - July 20 2014
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44


  • Alive universe Image 30.07.2014 20:21
    Salve Franz, pubblico con piacere il tuo commento perché, oltre a condividere la tua opinione, potrebbe ...

    Leggi tutto...

     
  • Franz 30.07.2014 18:12
    Aerofrenaggio non esiste in italiano così come aerobraking. La traduzione corretta è aerofrenata o ...

    Leggi tutto...

     
  • Alive universe Image 29.07.2014 19:58
    Ciao Maurizio, è così ma parliamo di catastrofe tecnologia anche se è pur vero che, per come è ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter






Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it