Spirit & Opportunity
Global Security Agency

In Primo Piano

Piccole frane e rotolamenti: Apophis potrebbe risentire degli effetti gravitazionali terrestri

Piccole frane e rotolamenti: Apophis potrebbe risentire degli effetti gravitazionali terrestri

A gennaio 2013, contro ogni scenario catastrofico dilagante, era arrivata la conferma da parte...

Rosetta si prepara al rilascio del lander

Rosetta si prepara al rilascio del lander

Rosetta sta rialzando la quota e stanno uscendo le analisi sul primo grano di polvere catturato...

Il cratere d'impatto di LADEE fotografato da LRO

Il cratere d'impatto di LADEE fotografato da LRO

La sonda della NASA Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) ha scoperto un nuovo cratere sulla...

Un doppio disco nel Sistema  GG Tauri-A

Un doppio disco nel Sistema GG Tauri-A

Utilizzando l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), gli scienziati hanno osservato...

Antares della Orbital Sciences fallisce ed esplode al liftoff

Antares della Orbital Sciences fallisce ed esplode al liftoff

Il razzo Antares della Orbital Sciences è esploso durante il liftoff, ieri sera alle...

  • Piccole frane e rotolamenti: Apophis potrebbe risentire degli effetti gravitazionali terrestri

    Piccole frane e rotolamenti: Apophis potrebbe risentire degli effetti gravitazionali terrestri

  • Rosetta si prepara al rilascio del lander

    Rosetta si prepara al rilascio del lander

  • Il cratere d'impatto di LADEE fotografato da LRO

    Il cratere d'impatto di LADEE fotografato da LRO

  • Un doppio disco nel Sistema  GG Tauri-A

    Un doppio disco nel Sistema GG Tauri-A

  • Antares della Orbital Sciences fallisce ed esplode al liftoff

    Antares della Orbital Sciences fallisce ed esplode al liftoff



Mars Exploration Rover Opportunity, nove anni su Marte



OPPORTUNITY - Matijevic Hill mappa

Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona

Opportunity ha compiuto nove anni!

Era il 25 gennaio 2004, 5:05 UTC, quando il rover gemello di Spirit arrivava su Marte, nella regione di Meridiani Planum.

Atterrato in un piccolo cratere, il cratere Eagle, sarebbe dovuto resistere sul suolo marziano solo tre mesi ed avrebbe dovuto percorrere circa 600 metri ed invece, oggi, è ancora li, a regalarci bellissime foto ed emozionanti scoperte.

Da allora ha visitato diversi crateri per studiare la storia geologica di Marte ed ha percorso oltre 35 chilometri.

"La cosa più importante non è quanto tempo sia durato o fino a che punto si sia spinto, ma quanto ha esplorato e quante scoperte scientifiche ha compiuto", ha detto John Callas del JPL, manager del NASA Mars Exploration Rover Project.

Questo mese, Opportunity sta utilizzando le sue fotocamere per esplorare il grande cratere Endeavour.

Mentre Curiosity ha da poco identificato tracce di acqua passata nel cratere Gale, Opportunity non è da meno.

Steve Squyres della Cornell University e Ray Arvidson della Washington University St. Louis hanno confermato che Opportunity ha individuato materiali argillosi del gruppo delle smectiti, a Matijevic Hill, Cape York, sul bordo del cratere Endeavour.

Le smecttiti sono un gruppo di minerali altamente rigonfianti dentro gli strati strutturali delle rocce, per assorbimento sia di acqua che di molecole organiche.
La firma di questo tipo di argilla era stata individuata dal Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) nell’area di Noctis Labyrinthus e nei pressi della Valle Marineris.
A Matijevic Hill, le smectiti sono delle vene chiare di materiale imprigionato in rocce contraddistinte da un rivestimento scuro, che il team di missione chiama "Whitewater Lake", dal nome della roccia osservata da Opportunity lo scorso settembre, quando furono individuati anche un nuovo tipo di mirtilli marziani chiamati "newberries".

OPPORTUNITY sol 3064 - 3066 pancam L2 L5 L7 - Whitewater Lake

OPPORTUNITY sol 3064 - 3066 pancam L2 L5 L7 - Whitewater Lake
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44 

In questo mosaico, nell'ultimo frame a destra è visibile la roccia chiamata "Whitewater Lake" che, almeno alla vista, non è poi così diversa dal pavimento consueto di Meridiani Planum.

Nell'angolo, in basso a destra è visibile "Kirkwood" che ospita lo strano tipo di mirtilli marziani.

OPPORTUNITY sol 3064 microscopic imager - Kirkwood Anaglyph

OPPORTUNITY sol 3064 microscopic imager - Kirkwood Anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44 

Le smecttiti contengono silicio, alluminio, ferro o magnesio e si formano a seguito dell’alterazione di altri minerali silicacei in presenza di acqua non acida.
Trovare questo tipo di materiale argilloso è un'importante scoperta per Opportunity perché testimonia un ambiente marziano potenzialmente favorevole alla vita.
L'acqua presente in quella zona, era necessariamente diversa da quella acida di cui Spirit ed Opportunity hanno individuato tracce in passato.

"La nostra ipotesi è: se ci sono minerali di argilla, l'acqua era meno acida e quindi più favorevole alla vita", ha riassunto Arvidson.

Opportunity sta esplorando il segmento Cape York, del bordo occidentale del cratere Endeavour, dal mese di agosto 2011. Dopo aver passato il suo quinto inverno marziano parcheggiato all'estremità settentrionale di Cape York, il rover, da maggio scorso, è arrivato alla fine di agosto 2012, ai piedi di Matijevic Hill, un rilievo lungo il lato interno di Cape York.

Sia Squyres e Arvidson sono concordi che i depositi individuati in "Whitewater Lake" sono smectite.
E mentre entrambi hanno annunciato di essere giunti a tale conclusione, presentando i dati all'American Geophysical Union (AGU), riunitosi lo scorso dicembre a San Francisco, questa è una scoperta che deve ancora ricevere i tre tradizionali processi di revisione per poter essere ufficialmente confermata.

Per Opportunity e il team di missione è stato abbastanza semplice e veloce individuare questi depositi grazie ai dati del Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) a bordo della sonda NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO). Lo spettrometro infrarosso ha infatti, segnalato una chiara firma della smectite a Matijevic Hill, così come nelle altre aree sul bordo del cratere Endeavour.

L'individuazione da parte del CRISM di depositi di argilla vicino al cratere Endeavour è stata fondamentale quando, nel 2008, abbandonato il cratere Victoria, il team di missione decise di spingere Opportunity in un viaggio di 21,5 chilometri attraverso Meridiani Planum in quella direzione.

"Trovare i minerali argillosi è stato il nostro grande obiettivo", ricorda John Callas, project manager MER, presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL).

Pur avendo il CRISM effettivamente individuato smectite, Opportunity avrebbe dovuto caratterizzare le rocce ospitanti e l'intera area geologica. Operazione questa, resa particolarmente complicata dal momento in cui lo spettrometro Mini-TES e Mössbauer non sono operativi. Gli scienziati, per individuare la posizione esatta dei depositi argillosi si sono dovuti accontentare dei dati orbitali e della moltitudine di immagini scattate dal rover.
Arvidson, che è anche nella squadra CRISM, ha trascorso circa un anno a mappare con cura i depositi di argilla incrociando i dati del CRISM con le immagini di Opportunity, pixel per pixel.

"Whitewater Lake" è, secondo Squyres, il più antico strato di roccia che Opportunity abbia mai visto, ancora in fase di datazione, forse del periodo Noachiano. Se così fosse significherebbe che è stato depositato circa 3700 - 4000 milioni di anni fa, quando Marte era più caldo e umido e più simile alla Terra.

OPPORTUNITY sol  3192 microscopic imager

OPPORTUNITY sol  3192 microscopic imager
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44 

Tirando le somme, il 2012 è stato davvero uno dei migliori anni scientifici per Opportunity e nella zona di Matijevic Hill ci sarà ancora molto da scoprire.

Note sull'autore
Elisabetta Bonora
Author: Elisabetta BonoraEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sono appassionata di astronomia, spazio, fisica e di tutte le scienze in genere. Aspirante reporter scientifica, ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover della NASA Curiosity su Marte, per condividere in modo semplice e puntuale le notizie più interessanti, pensieri e considerazioni. Per lavoro mi occupo di web e video analytics presso ShinyStat (SV – Italia) e per hobby, da diversi anni, mi dedico ad elaborare le fotografie rilasciate dalle Agenzie Spaziali Internazionali, scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Individuate su Titano nuvole stratosferi…

Domenica, 26 Ottobre 2014 18:08

Individuate su Titano nuvole stratosferiche di ghiaccio di metano

Inaspettate nuvole ad alta quota di ghiaccio di metano sono state viste otto anni fa, sopra al Polo Nord della grande luna di Saturno, Titano, dalla sonda della NASA Cassini. La formazione era...

Gli indici dell'attività solare

Domenica, 26 Ottobre 2014 14:20

Gli indici dell'attività solare

Come si misura e si prevede l'attività della nostra stella, con particolare riferimento all'ultima "super-macchia" solare (aggiornato al 29/10).

Partita la "sample return mission…

Sabato, 25 Ottobre 2014 07:42

Partita la "sample return mission" Cinese Chang'e 5-T1

Come preannunciato, la Cina ha lanciato la missione dimostrativa Chang’e-5-T1 con il vettore Long March-3C/G2 dal complesso di lancio LC2 del Xichang Satellite Launch Center nella provincia del Sichuan. La missione durerà 8 giorni...

Aumenta l'attività (e l'odore) della com…

Venerdì, 24 Ottobre 2014 07:47

Aumenta l'attività (e l'odore) della cometa 67P

Mancano poco meno di 3 settimane dalla storica impresa del lander Philae e la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko mostra un graduale ma chiaro aumento della luminosità. Le recenti immagini della Navigation Camera (NavCam - vedi in...

L'asimmetrica atmosfera di Titano

Giovedì, 23 Ottobre 2014 13:54

L'asimmetrica atmosfera di Titano

Studiando l'atemosfera di Titano, gli scienziati hanno notato concentrazioni di molecole organiche, inaspettatamente fuori asse rispetto ai poli della luna. Queste caratteristiche disallineate sembrano sfidare i modelli che prevedono venti...

POLARBEAR: mappato il B-mode di polarizz…

Giovedì, 23 Ottobre 2014 05:54

POLARBEAR: mappato il B-mode di polarizzazione nella CMB

A distanza di pochi mesi si torna a parlare della polarizzazione del fondo cosmico a microonde.Dopo i deludenti risultati di BICEP2 pesantemente ridimensionati da Panck, un nuovo report è stato pubblicato...

Space Mission Stats

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • Anakin 19.09.2014 16:13
    Quindi non è proprio una rappresentazion e. Potremmo dire di guardare effettivamente un buco nero

    Leggi tutto...

     
  • Alive Universe Image 19.09.2014 15:59
    E' un'illustrazion e del buco nero supermassiccio. Ecco l'estratto della discalia dal sito ESA ...

    Leggi tutto...

     
  • Anakin 19.09.2014 14:46
    Ciao. Ma l'immagine, al centro, rivela che quello che vediamo è effettivamente un buco nero o solo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it